Ford: parte a Colonia la produzione del motore 1.0 litri a tre cilindri

di Riccardo Guerra 4

Si tratta del più piccolo motore prodotto da Ford: la linea di montaggio del nuovo propulsore 1.0 litri EcoBoost è stata inaugurata qualche ora fa, a Colonia, in Germania, da Alan Mulally, presidente ed Amministratore Delegato della casa automobilistica dell’Ovale Blu. Un cuore compatto, efficiente e mediamente potente (in relazione alla cilindrata), destinato a spingere modelli diversi tra loro (ne saranno provviste la nuova Ford Focus, la nuova monovolume Ford C-Max e la nuova monovolume compatta Ford B-Max, ma in futuro il suo sfruttamento sarà molto più abbondante): uno dei fiori all’occhiello dello scaffale dell’azienda americana ed un grande sforzo per far diventare la gamma Ford più ecologica di oggi. Il motore sarà disponibile, in Europa, dalla prossima primavera.

Il nuovo 1.0 litri benzina della famiglia EcoBoost viene dotato di tre cilindri in linea, di un sistema di sovralimentazione e di un sistema di iniezione diretta del carburante. La motorizzazione riesce ad erogare 100 cavalli, ma ne esiste anche una versione da 125 cavalli: per entrambe i valori di emissioni sono ridotti al minimo e rasentano i cento grammi per chilometro (109 g/km il primo step di potenza, 114 g/km il secondo). Anche i consumi saranno altrettanto bassi: la versione più potente del nuovo motore Ford (che dispone di 170 Nm di coppia costante e di 200 Nm di coppia massima nella modalità Overboost) è in grado di viaggiare per cento chilometri utilizzando cinque litri di carburante.

Per assemblare il motore EcoBoost, la casa automobilistica Ford ha investito 134 milioni di euro per adattare la linea di montaggio all’interno dello stabilimento di Colonia alla realizzazione di circa 350mila unità di questo piccolo cuore ecologico. Ad ogni modo, il propulsore sarà prodotto anche in Romania dal prossimo anno: in totale, ne verranno costruiti 700mila all’anno in Europa a pieno regine, 1,3 milioni complessivamente nel mondo (e questo valore fa capire quali siano i progetti dell’azienda per questo motore).

Photo credits | Getty Images

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>