Aston Martin, Investindustrial punta all’acquisto del 50% del marchio

di Gtuzzi 2

Ben presto il marchio Aston Martin potrebbe avere un vero e proprio futuro a tinte azzurre: in pratica, pare che il famoso brand di auto di lusso potrebbe finire nelle mani di un fondo proprio italiano.

acquisto marchio aston martin investindustrial
Infatti, in base a quanto diffuso da alcune indiscrezioni che arrivano proprio da fonti vicine al mondo finanziario, la Investindustrial, ovvero un fondo italiano al cui vertice troviamo Andrea Bonomi, sarebbe davvero intenzionato all’acquisto della metà del marchio Aston Martin.

acquisto marchio aston martin investindustrial

CONCORRENZA DI MAHINDRA

Non è l’unica informazione che filtra dagli ambienti finanziari, dal momento che il fondo italiano con a capo Bonomi sarebbe già stato in grado di raggiungere un accordo con il fondo del Kuwait Dar, che attualmente è il proprietario del marchio di lusso Aston Martin. Si tratterebbe di un’altra operazione importante per il fondo Investindustrial, che si è già occupata di vendere Ducati al Gruppo Volkswagen. Bonomi, però, deve fronteggiare tutta una serie di potenziali rivali nella corsa all’acquisto del marchio britannico, dal momento che tra i principali concorrenti c’è anche il costruttore di fuoristrada Mahindra & Mahindra, che sarebbe in grado di avanzare un’offerta ancora migliore rispetto al fondo italiano. Secondo gli ultimi rumors, però, pare proprio che le due offerte siano sullo stesso piano, caratterizzate da un valore di impresa pari a circa 926 milioni di euro.

LA PRODUZIONE RIMANE A GAYDON

Sia il costruttore di fuoristrada Mahindra che Investindustrial non hanno certamente intenzione di spostare la produzione, che rimarrebbe sembra ubicata in Inghilterra, a Gaydon.
A fare da spalla ad Investindustrial per trovare un accordo che vada a buon fine con il fondo del Kuwait Dar, ci sarebbe nientemeno che la Mercedes, che dovrebbe fare da sponsor tecnico a tale operazione di mercato, andando a mettere sul piatto le meccaniche dei nuovi modelli della gamma, sostituendo Ford, che attualmente è il fornitore di Aston Martin per propulsori, cambi e sospensioni.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>