GP Australia, KERS inutile? Pirelli tradisce Ferrari

di Sebastiano Cucè Commenta


Sorprendente il fatto che queste Formula 1 sono più veloci di mezzo secondo, almeno questo è il riscontro con le prestazioni a Melbourne rispetto al 2010. Nonostante le macchina pesano 20 kg di più e la Pirelli ha sostituito la veterana Bridgestone, l’introduzione del KERS e dell’ala mobilie ha indiscutibilmente velocizzato lo sport.

Ma il KERS è singolarmente sinonimo di vantaggio da un punto di vista prestazionale? Le qualifiche conquistate da Vettel a Melbourne sembrano aver evidenziato la complessità che questo sistema può portare, infatti il tedesco della Red Bull ha ammesso di non aver utilizzato il sistema di recupero d’energia, diversamente da Hamilton che ha accusato un problema di potenza al motore, compromettendo il sistema di frenaggio da come ha dichiarato successivamente Whitmarsh alla BBC.

La vera sorpresa è la insoddisfacente prestazione della Ferrari. Alonso non sembra abbattuto durante le interviste, ovviamente siamo all’inizio di campionato, ma lo spagnolo ha poi ammesso che il vero problema della Ferrari durante le qualifiche del sabato è stato la mancanza di Grip, problema non riscontrato nelle prove libere.

Il vero allarme che dovrebbe far preoccupare la Ferrari, ed Alonso lo ha specificato molto bene è la vicinanza di team come Renault, Sauber e Toro Rosso. Questo inverno la Ferrari godeva di un distacco di oltre un secondo da queste squadre, mentre adesso il Cavallino rampante che vanta solamente 3 decimi sente il fiato sul collo.


In gara le cose cambieranno. Velocità in qualifica è una cosa, avere un ritmo e soprattutto mantenere la costanza è tutt’altra storia in gara. Forse questa strategia “conservatrice”, così l’ha chiamata Alonso, può rivelarsi vincente in gara, perché le Pirelli hanno un degrado precoce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>