Codice della strada: ecco le nuove sanzioni

di Andrea Guida 1

Due giorni fa, il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, ha annunciato di voler mettere mano al codice della strada. Adesso, emergono i dettagli di ciò che verrà presto messo all’esame delle Camere, una vera e propria rivoluzione copernicana del codice della strada.

Di seguito, l’elenco delle maggiori novità in termini di sanzioni:

  • Insegnamento della sicurezza stradale nelle scuole
  • Ritiro immediato e sospensione della patente per quattro anni a chi provoca morti sulla strada
  • La guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti causa di incidenti verrà punita con carcere da tre a dieci anni, ritiro della patente, impossibilità di prendere una nuova patente per cinque anni e confisca penale del veicolo (a seguito della condanna)
  • Sospensione della patente da tre mesi a due anni per chi causa incidenti
  • Multa da 1.500 a 6.000 euro o carcere da 6 a 12 mesi per chi è stato sorpresa alla guida in stato alterato, senza aver casato incidenti
  • Probabile introduzione della “scatola nera” nelle auto per capire le dinamiche degli eventuali incidenti
  • I neopatentati potranno essere al volante solo di vetture dotate di una potenza inferiore ai 55Kw/t ed avranno il divieto di superare 90km/h in autostrada e 70km/h nelle strade extraurbane

Commenti (1)

  1. Multe sempre più salate…. considerato il fatto che molti di noi non hanno un retribuzione superiore a 1100,00 euro, non arriviamo a fine mese con l?ordinario, immaginate il dramma e la disperazione di un multa con cui molti Comuni ci campano. E poi l?autovelox non distingue chi guida in stato alterato e chi no, ciò non fa giustizia! “iniziamo a parlare di Sicurezza e Circolazione”…. guardando in tasca agli Italiani, adeguando i salari alla percentuale di aumento delle sanzioni che hanno avuto da 10 anni a questa parte!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>