Fiat, Montezemolo apre all’Europa: “Presto la carta dei Valori dell’utente”

di Moreno Commenta

montezemolo1

Se l’Italia per la Fiat non è in questo momento un terreno particolarmente fertile dal punto di vista delle entrate, e motivo principale è quello della crisi finanziaria che sta paralizzando buona parte del mercato, in Germania e Francia la situazione è decisamente migliorata rispetto al passato e per il marchio torinese cominciano ad esserci valide previsioni di sviluppo e incremento economico.

La Fiat infatti sta facendo passi da gigante nelle vendite in Europa: tra le novità proposte dall’azienda, presto la casa automobilistica italiana presenterà la carta dei valori dell’ente andando incontro ad una proposta avanzata dal Presidente Luca Cordero di Montezemolo, che per primo si sbilancia in tal proposito:

“Sono estremamente contento dei risultati che il gruppo sta riscuotendo. Ne parleremo proprio domani nel Consiglio di amministrazione, ma i segnali importanti che vengono dai mercati dell’auto e che non possiamo non cogliere, come la grande crescita della quota di Fiat in Europa, dimostrano che questa è una azienda con prodotti validi, ecologici, di poco consumo, giusti per dove sta andando il mondo. Siamo al passo con i tempi e veniamo identificati con valori positivi e propositivi: l’affidabilità ottenuta da chi decide di investire in Fiat è sotto gli occhi di tutti e diventa elemento imprescindibile in chiave di sviluppo futuro. La strada da seguire è senza alcun dubbio questa”.

Il massimo esponente dell’industria del prodotto meccanico ha incontrato i giornalisti durante una convegno alla Camera di commercio di Prato. La Fiat, infatti, stando anche ai tabulati forniti nei giorni scorsi, sta attraversando un ottimo momento di vendite e ciò vale soprattutto per l’estero.

Strumenti innovativi come la Carta dei valori dell’Utente, utile per capire come poter risparmiare consumo energetico, possono solo contribuire ad accrescere i giudizi già positivi dell’utenza. La Fiat prosegue, dunque, nel suo percorso di innovazione tecnologica senza trascurare, anzi includendole fin da subito, le tematiche ecologiche ed ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>