Salone di Francoforte 2011: Jeep Grand Cherokee SRT8

di Riccardo Guerra 1

Sicuramente, la novità più importante ed interessante presso lo stand Jeep al Salone di Francoforte 2011 sarà lei, la nuova Grand Cherokee SRT8, cioè la risposta di Gruppo Chrysler e di Fiat S.p.A. a Mercedes ML63 AMG, a BMW X5M e a tutti i SUV sportivi esistenti ed in fase di sviluppo. Il crossover di lusso di grandi dimensioni sarà esposto per la prima volta in anteprima per il pubblico europeo durante la kermesse che si svolge tra il 15 settembre ed il 25 settembre e sarà su strada a partire dalla primavera del prossimo anno.

La nuova versione SRT8 è senza ombra di dubbio quella più esclusiva e quella più emozionante nella gamma di Jeep Grand Cherokee. La variante ad alte prestazioni SRT8, grazie al nuovo propulsore benzina 6.4 litri V8 HEMI da 470 cavalli di potenza e 630 Nm di coppia massima (importato dallo scaffale Chrysler), riesce a toccare la velocità massima di 255 chilometri orari e riesce a passare da zero a cento chilometri orari in 4.8 secondi. Per l’azienda statunitense e per la società italiana (lo dicono nel comunicato stampa ufficiale) è “il modello più veloce e potente mai realizzato dal marchio Jeep”.

La nuova Jeep Grand Cherokee SRT8, seppure veicolo fortemente sportivo, resta, comunque, un SUV in piena regola: la sicurezza su strada ed in fuoristrada viene garantita, a bordo del crossover americano, dal nuovo sistema di sospensioni con ammortizzatori attivi e dal sistema di controllo della trazione Selec-Track. Il nuovo impianto di scarico attivo con funzionamento a valvole e tecnologia Fuel Saver, offerto di serie, assicura invece consumi ridotti (per quanto possono esserlo quelli di un propulsore 6.4 litri).

L’anima sportiva della nuova Jeep Grand Cherokee SRT8 viene istantaneamente evidenziata dalle linee esteriori, rese aggressive da alcuni interventi, e dall’abitacolo, all’interno del quale si respira un atmosfera energica e molto nervosa. Rimane, ad ogni modo, elegantemente imponente il corpo della vettura.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>