Google Car, la prima auto per non vedenti

di Gtuzzi Commenta

Google, si sa, punta sempre a sviluppare dei progetti piuttosto affascinanti e rivoluzionari: l’ultima idea, in ordine di tempo, è quella di realizzare una vettura per i non vedenti.

Google Car, la prima auto per non vedenti - UltimoGiro.com
Esatto, aprite bene le orecchie, visto che Google sta provando a realizzare un’auto che possa permettere ai non vedenti di guidare: proprio per dare una dimostrazione del progetto in fase di sviluppo, l’azienda di Mountain View ha deciso di rilasciare un video che sta circolando su YouTube nelle ultime ore e che permette di scoprire come funziona quella che viene chiamata Google Car.

Google Car, la prima auto per ciechi - UltimoGiro.comPROGETTO SELF-DRIVING CAR. Google Car rappresenta una vettura che ha la particolare capacità di riuscire a guidarsi senza l’aiuto di alcun pilota e rappresenta una delle punte di diamante del progetto di Google denominato Self-Driving Car, che è stato creato solamente pochi anni fa a Mountain View.
Nel video diffuso da Google su YouTube si può notare come Steve Mahan, un non vedente, ha provato la nuova vettura sviluppata.
PER GUIDARE NON SI TOCCA MAI IL VOLANTE.
Steve Mahan è cieco al 95% ed è riuscito senza problemi a guidare la Google Car, sviluppata da Google sulla Toyota Prius, senza dover toccare un volante, ma potendo contare sulla presenza di telecamere, radar e laser: proprio mediante questi strumenti, il pilota non vedente ha potuto guidare sulla carreggiata e anche capire il significato dei cartelli stradali, evitando possibili ostacoli.
Il percorso scelto da Google per la prova era piuttosto sciuro, ma il test è servito soprattutto per dimostrare come tale tecnologia, se opportunamente sviluppata, potrebbe davvero, nel corso dei prossimi anni, permettere ai non vedenti di abbattere anche la barriera di guidare una macchina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>