Gumpert Apollo R, un’auto nata per la pista

di Gtuzzi Commenta

Il Salone di Ginevra 2012 ha rappresentato anche l’occasione per poter svelare la nuova supercar di Gumbert: si tratta dell’innovativa Apollo R, che è stata creata ovviamente con l’obiettivo di vederla sfrecciare solamente in pista.
Tra tutti i prototipi e le concept car che sono stati presentati e che verranno presentati nel corso dei prossimi giorni all’interno della manifestazione elvetica, troviamo anche qualche modello più sportivo, dedicato esclusivamente alle battaglie in pista.


LA PISTA E’ IL SUO HABITAT. All’interno dello stand Gumbert si può visualizzare la nuova Gumpert Apollo R, un modello estremo che è pronto per il debutto in pista.
Certamente, si tratta di un altro passo in avanti importante per il gruppo Gumbert: dopo il modello stradale, che era già piuttosto difficile da guidare, adesso questa versione estrema può essere in grado davvero di recitare un ruolo da protagonista in pista.
Sembra che, in base a quanto sostenuto da alcune indiscrezioni che hanno fatto rapidamente il giro della manifestazione svizzera, la nuova Gumbert Apollo R potrebbe anche trovare spazio in diverse gare di durata.

BEN 860 CAVALLI DI POTENZA. Certamente, dando un’occhiata alle foto della nuova supercar realizzata da Gumpert, la Apollo R non può assolutamente essere utilizzata per la circolazione su strada, ma il suo habitat ideale è la pista: infatti, il cuore pulsante della supercar è rappresentato da un motore V8 da 4,2 litri (ottenuto dall’Audi R8, che può contare su ben 860 cavalli di potenza, sopratutto per via della modifica all’impianto dii iniezione e ai condotti di aspirazione, con l’introduzione di uno scarico sportivo.
La Gumbert Apollo R si caratterizza, infine, per montare un tealio con roll-bar integrato e presenta un peso di circa 1.100 chilogrammi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>