Haas e McLaren tolgono i veli alle loro vetture

di Alba D'Alberto Commenta

Dopo anticipazioni e precisazioni, arrivano in pista e sul web le vetture di McLaren e Haas pronte a diventare protagoniste del prossimo campionato di Formula 1. Lo scorso campionato è stato monotematico ma adesso tutto potrebbe cambiare. 

Dal prossimo campionato di F1 ci si aspetta che faccia scintille grazie alle novità legate alla Haas la scuderia che dopo trent’anni riporta in pista un brand americano. Si è investito molto nella realizzazione della vettura e si è scelto di ingaggiare due piloti esperti e giovani per il prossimo anno. C’è anche la possibilità che a rompere le uova nel paniere delle scuderie più grandi sia la McLaren che ha voglia di riscatto e necessità di dimenticare il campionato scorso.

Sicuramente interessante la vettura di Haas che è stata fornita di motore e know-how dalla Ferrari.

“Tutto è nuovo qui per noi” – ha spiegato il team principal Guenther Steiner -. Non soltanto la macchina, ma l’intera squadra. Ora cercheremo di verificare subito in pista l’efficacia del lavoro effettuato durante l’inverno”.

Sono queste le parole che hanno accompagnato Gutierrez e Grosjean nella prima fase di test a Montmelò. Sulla stessa pista presente anche la McLaren che ha tolto i veli alla vettura, la prima firmata dall’ingegnere britannico Peter Prodromou, ex braccio destro di Newey che, neanche a dirlo, è colui che ha realizzato la vettura Red Bull con cui Vettel ha vinto il campionato.

“Il nostro obiettivo è quello di rimanere uniti e di tornare a vincere, ma senza fare per ora previsioni”.

Queste le prime dichiarazioni di Ron Dennis ma forse quello per cui c’è più attesa è Fernando Alonso, che dichiara:

“La nuova vettura è molto bella, ma soprattutto rappresenta il frutto di un grande lavoro fatto riguardo al pacchetto aerodinamico. Io sono pronto al cento per cento per riportarla in pista”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>