Land Rover sostituisce Freelander con Baby Discovery

di Alba D'Alberto Commenta

Svolta storica in Land Rover. E’ in arrivo una nuova gamma di Freelander, sul mercato dal 2014 con un altro nome, molto vicina agli attuali modelli Discovery, per crearne una versione ‘baby’. Si tratta dunque di una nuova linea, che a livello tecnico prende il nome di codice L550 e che anticiperà la nuova Discovery ‘full size’ che a sua volta verrà presentata nel 2015 e rappresenterà un cambiamento sostanziale nella strategia della Land Rover dal punto della differenziazione della gamma.

Land Rover Freelander 2 SD4 Sport Limited Edition (008)

L’azienda automobilistica di Solihull ha infatti pronto un piano che contempla ben tre gamme differenti:

– Luxury

Faranno parte di questa gamma i modelli Range Rover a cui si affiancherà a novembre una niova versione a passo lungo della ‘Range’, la quale verrà presentata al Salone di Los Angeles. Bisognerà invece attendere il Salone del Motor Show di Dubai per la versione’Ultimate’. Il prezzo di quest’ultima? 140.000 euro.

– Dual purpose

Dual purpose farà parte della nuova gamma Defender, e sarà una configurazione 4×4 che sarà meno radicale in confronto al modello attuale e quindi ideale per chi vuole un vero suv da utilizzare anche per lavoro ma adatto alla circolazione su asfalto.

– Leisure

La nuova Baby Discovery e la prossima Discovery faranno invece parte della suddetta gamma ‘leisure’. Per la nuova Baby Discovery, l’azienda ha deciso di mantenere, con gli opportuni aggiornamenti, la piattaforma e gli organi meccanici del modello attuale mentre carrozzeria e abitacolo saranno totalmente nuovi. Tale operazione sarà necessaria per differenziare maggiormente la Freelander dalla Range Rover Evoque e contemplerà, probabilmente, anche una versione allungata a 5+2 post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>