Le dichiarazioni di Vettel e Raikkonen dopo i test di Montmelò

di Alba D'Alberto Commenta

Dopo i test di Montmelò la Ferrari dimostra di esserci e di stare bene. Entrambi i piloti di Maranello, al termine di questi test pre campionato, si dicono soddisfatti di quello che hanno potuto dimostrare e testare in pista. Ecco le dichiarazioni di Vettel e Raikkonen. 

Nella quarta giornata Kimi è stato il più veloce e rispetto alla sua performance ha fatto questa dichiarazione:

“E’ stato un normalissimo test, con vari tipi di gomme, ma è sempre tutto molto diverso rispetto a quando si è in gara. Con una macchina così nuova c’è sempre qualcosa da provare ed è necessario controllare tutto. Questo genere di prove è sempre laborioso, ma è sempre meglio fare tutte le verifiche possibili se non si vogliono avere problemi durante il campionato. Non so se questa sarà una buona macchina, nessuno può dirlo, ma sembra averne le potenzialità. Anche se ci sono ancora molte cose da provare. Non guardiamo a cosa stanno facendo le altre squadre, pensiamo a noi stessi e cerchiamo di prepararci al meglio, perché dipenderà solo da noi se vogliamo trovarci poi in buona posizione. Il potenziale è buono ma possiamo migliorare.”

Prima di lui si era espresso anche Vettel dicendo:

Per quanto abbiamo visto finora, la macchina risponde bene e si comporta come vorrei. Adesso è fondamentale che anche Kimi abbia le stesse impressioni. Per quel che riguarda il motore, è bello tornare a sentire un pò di rumore in più e anche se non è ancora così forte come potrebbe o dovrebbe essere, è molto meglio di quanto non fosse prima. Ora suona di più come una Formula 1. Abbiamo lavorato molto su cose diverse, la macchina è completamente nuova, ci sono tante nuove componenti e molte cose sono in posizioni diverse. Abbiamo cercato di capire come la vettura reagisce e anche se ce ne siamo fatti un’idea e avevamo delle aspettative, quando si gira in pista le cose spesso possono cambiare, a volte per via della temperatura, a volte per il raffreddamento, eccetera. Ogni tanto bisogna fermarsi un pò più a lungo di quanto sarebbe strettamente necessario o di quel che si vorrebbe fare, solo per effettuare dei controlli, altre volte è il pilota che va fuori pista, come ho fatto io questa mattina… Ma sono cose che capitano. Nel complesso siamo contenti, ma sappiamo di dover fare tanti chilometri e di avere molto lavoro davanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>