Mercedes pronta a sospendere i suoi piloti

di Alba D'Alberto Commenta

Una decisione clamorosa quella della Mercedes, una decisione che per molti sembra assurda ma adesso la stampa inglese ne è certa: la scuderia è pronta a sospendere Rosberg ed Hamilton per via dei continui diverbi interni che si traducono in incidenti in pista. 

Alla Guida, rivista specializzata in fatto di motori, ha pubblicato di recente un articolo a firma di Luca Vanni in cui si dà notizia della decisione della scuderia tedesca Mercedes di punire Hamilton e Rosberg per il loro comportamento. Il campione del mondo in carica, Hamilton e l’aspirante al titolo iridato, primo nella classifica piloti, Rosberg, sono in rotta di collisione. Le continue lotte interne, però, determinano un nervosismo che arriva n pista e così capita che ci siano sempre molti contatti tra i due, incidenti, ritiri e risultati persi.

Qualifiche GP Bahrain 2014, dominio Mercedes con Rosberg in pole - UltimoGiro.com

Qual è la punizione scelta per i due piloti “indisciplinati”? La sospensione per uno o due gran premi qualora perseverassero nell’errore. Ma sarà davvero così? Potremo mai assistere ad un gran premio dove i piloti più veloci della F1 sono a bordo pista? I dirigenti delle frecce d’argento potrebbero essere arrivati al limite. Lo stesso Toto Wolff dopo quello che è avvenuto in Austria, un contatto tra i suoi piloti, ha detto:

“Mi piacerebbe vedere i miei piloti correre senza vincoli – ha esaminato il dirigente della casa tedesca – ma forse servono degli ordini di scuderia in alcune fasi della gara”.

Una semi conferma delle intenzioni della Mercedes che preferisce perdere con coscienza dei punti, ma ritornare poi in pista in maniera più efficace, invece che mettere continuamente fine a diverbi interni che non portano da nessuna parte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>