Mini Clubvan, ecco il nuovo veicolo commerciale

di Gtuzzi Commenta

Tutte le volte in cui si parla del marchio Mini, ovviamente, si fa riferimento alla più classica delle citycar.

mini clubvan
In questo caso, però, si è cambiato orizzonte e il brand britannico ha deciso di realizzare un piccolo veicolo commerciale, lanciandosi su un altro segmento del mercato.
Nel corso della prossima stagione autunnale, verrà rilasciata la nuova Mini Clubvan: si tratta della variante più “grezza” della citycar compatta, senza ombra di dubbio, più celebre in tutto il mondo.

mini clubvanNOVITA’. La nuova Mini Clubvan si caratterizza per arrivare direttamente dalla Mini Clubman (con cui, tra le altre cose, condivide gli ingombri), ma la principale differenza, per questa auto da lavoro, è sicuramente relativa all’organizzazione degli spazi interni e, in modo particolare, non ci sono più le parti realizzate in vetro nel lato posteriore della vettura.
Per quanto riguarda tutto il resto della vettura, la struttura non ha subito particolari modifiche, visto che è stato mantenuto anche il portellone posteriore doppio.
In ogni caso, la nuova Mini Clubvan si può considerare un’interessante auto da lavoro e, scegliendo un buon stile personalizzato, si può anche ripiegare come normale auto per la città.
L’ingombro, come abbiamo già avuto modo di evidenziare, è lo stesso della Clubman, nonostante nella Clubvan ci sia decisamente uno spazio di carico maggiore, che può arrivare fino a 860 litri, con un peso massimo che sfiora i 500 chilogrammi.

MECCANICA E TELAIO. Per quanto riguarda la meccanica e il telaio, la nuova Clubvan ha conservato quelli dell’auto da cui discende, mentre i nuovi dettagli sono rappresentati dal servosterzo elettrico, dall’avantreno McPherson, dal retrotreno multilink, dal sistema Start&Stop e dal dispositivo che permette di recuperare l’energia in frenata.
Anche all’interno di questa nuova variante da lavoro, dobbiamo sottolineare come la divisione dei diversi modelli targati Mini non cambia assolutamente. Si parte con la divisione One, poi troviamo la Cooper, che presenta una potenza certamente maggiore, mentre ci sarà anche una versione Diesel Cooper D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>