Montezemolo e la F1 del futuro: Internet, Ibrido e terza vettura

di Sebastiano Cucè 2


Il presidente della Ferrari è al centro dei riflettori in questo week-end. Oltre ad aver parlato della Ferrari e del suo futuro ha spiegato quelle che secondo lui sono le strade da seguire per il bene prossimo dello sport.

No F1 a pagamento in TV – Montezemolo desidera vedere più persone coinvolte nello sport. La sua strategia è maggior partecipazione grazie ad internet e a dispositivi come IPad. Il no è per una Formula 1 a pagamento anche dal divano di casa, mentre è necessario attirare più persone negli autodromi, dunque proporre biglietti più accessibili in quanto oggi costa meno viaggiare in aereo nel week-end che andarsi a vedere una gara.

No macchine elettriche, Si KERS – “Per me la F1 è la prestazione estrema, dello sport, e tecnologia innovativa in termini di prestazioni” questi i commenti del presidente che esclude completamente un futuro verde per la Formula 1. Il mercato dell’auto richiede sempre più rispetto per ambiente e soprattutto riduzione dei consumi, ma la Formula 1 deve rimanere il top della velocità. Si invece all’ibrido, tecnologia che può essere trasferita anche nelle vetture stradali.

Terza vettura, spazio ai giovani – “Terza vettura, spazio ai giovani – “Farò del mio meglio per convincere per tre semplici motivi, non solo per la Ferrari. Anzitutto, il divario tra le migliori squadre e gli altri è molto, molto grande. Secondo una gara di oggi per un piccolo team è costosa quando si deve sviluppare una nuova vettura.


terzo non vedo l’ora di avere nuovi driver in F1”. Il presidente ha spiegato che è meglio vedere una terza McLaren o una terza Red Bull invece di macchine lente sul fondo della griglia, allo stesso modo visto l’assenza dei test i giovani che si apprestano ad affacciarsi alla F1 avranno una grande occasione.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>