Nel Gran Premio di Ungheria la Ferrari torna a sorridere

di Alba D'Alberto Commenta

images

Il Gran Premio di Ungheria che si è disputato ieri ha regalato molti colpi di scena e diverse sorprese. La prima sorpresa è il bel risultato di Fernando Alonso che torna sul podio ottenendo un ottimo secondo posto. Due volte la Safety car in pista ha cambiato le gerarchie e Nico Rosberg con la Mercedes, partito in pole e scappato via dopo un piccolo errore iniziale, si dovrà accontentare del quarto posto. A trionfare è stato Daniel Ricciardo con un’ottima gara e la dimostrazione di essere un pilota in grande crescita.

La pioggia ha influenzato il Gran Premio di Ungheria, ma a decidere l’arrivo finale è stata probabilmente la strategia. La Ferrari è stata brillante e competitiva come poche volte abbiamo visto quest’anno e molto si deve ad Alonso che ha avuto la capacità di sfruttare al meglio la Safety car ed arrivare secondo con un’ottima strategia personale. Una gara una volta tanto non anonima della Ferrari con Alonso sempre leader e Kimi Raikkonen che è arrivato sesto.

Il pilota italo australiano Daniel Ricciardo con la Red Bull ha fatto una gara splendida con importanti sorpassi. Ha staccato di molti secondi il suo compagno di squadra Sebastian Vettel, campione del mondo in carica e dominatore degli ultimi mondiali. La Formula Uno ha probabilmente trovato un nuovo protagonista.

La sfida per il titolo diventa sempre più intensa con i due piloti della Mercedes più vicini. Questa doveva essere la gara di Rosberg, visto che Lewis Hamilton partiva molto dietro dopo i problemi nelle qualifiche. Rosberg è stato sfortunato con l’ingresso della Safety car e poi con i problemi ai freni, e alla fine è arrivato quarto dietro a Hamilton che guadagna qualche punto nella classifica del mondiale mostrando come la lotta sarà dura e cresce anche la competizione tra i due piloti della Mercedes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>