Niente più auto prodotte in Australia per Toyota e Ford

di Alba D'Alberto Commenta

A partire dal 2017, Toyota smetterà di produrre auto nel suo stabilimento australiano di Melbourne. Si tratta di una delle centrali più grosse della casa automoblistica, con 4.000 dipendenti a rapporto.

toyota corolla my 2014 teaserLa decisione ‘dolorosa’ è stata presa per un insieme di cause negative, quali ad esempio l’alta competitività del mercato e la solidità del dollaro australiano. Inoltre, Toyota ha verificato una riduzione della produzione dei veicoli nel Paese.

La decisione è arrivata direttamente da Akio Toyoda, numero uno del gruppo, che ora lavorerà per trovare nuove misure da adottare.

La notizia è stata accolta in maniera pessima dai dipendenti e dall’azienda, come ha dichiarato il Ceo australiano Max Yasuda. Anche per lui, che ha dovuto motivare la decisione in fabbrica, la ‘colpa’ è da ascrivere alle condizioni sfavorevoli del dollaro australiano, nonché agli alti costi di produzione su una economia di bassa scala. Yasuda ha menzionato inoltre l’elevata competitività data da accordi commerciali correnti e futuri, quali i fattori che rendono “non fattibile” proseguire nella costruzione delle vetture.

Troppi sono i fattori fuori controllo, malgrado i profitti ottenuti in passato. La perdita dal punto di vista delle operazioni manifatturiere si è fatta sempre più elevata e malgrado gli sforzi occorre chiudere bottega.

Anche Ford chiuderà la produzione in Australia, un anno prima rispetto a Toyota, lascando senza lavoro 1200 operai. Nel 2017 chiuderà anche GM Holden, con la conseguenza di realizzare ben 3000 licenziamenti.

Si temono conseguenze per ciò che concerne la catena di forniture e molti altri comparti. La conseguenza più grave, però, potrebbe essere una forte recessione economica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>