Raikkonen e Lotus, matrimonio a rischio per uno sterzo

di Sebastiano Cucè Commenta

Per la prima volta in questa stagione, tra il team di Estone e il pilota finlandese si sono infuocati gli animi.
raikkonen e lotus matrimonio a rischio per uno sterzo
Kimi ha sempre lamentato l’eccessivo sovrasterzo, rifiutandosi di scendere in pista nelle prove libere del giovedì a Monaco, mentre la squadra non ha gradito il comportamento prepotente del pilota, che ha screditato il duro lavoro atto ad accontentare le richieste. Di seguito la spiegazione di cosa è realmente accaduto dietro le quinte.


lotus raikkonen monaco
SQUADRA LOTUS – Il team nato ad Estone con il nome Toleman, poi Benetton, Renault ed oggi Lotus ha un ambiente particolarmente diverso dalla concorrenza. Qui gli ingegneri sono più autonomi, esiste una gerarchia naturale, diversamente dalle altre squadre dove invece convivono ruoli prettamente specializzati.

Il carattere di Raikkonen è perfetto per questo team, soprattutto perché lui non è un maniaco dei dettagli come Schumacher, Alonso o Kubica.

Ma il suo stile di guida necessita di un feedback dallo sterzo. E’ uno stile molto adattabile ai cambiamenti del grip, dotato di una grande sensazione istintiva e quindi una buona gestione del degrado delle gomme.
Però l’eccessivo sovrasterzo, che le squadre utilizzano per mandare velocemente in temperatura gli pneumatici non risponde alle richieste del pilota, da sempre alla ricerca di una valida alternativa.

Proprio per questo motivo Raikkonen non è sceso in pista il giovedì, durante le libere 1. Il pilota ha così compromesso un’intera sessione di test che ha negato alla squadra di poter raccogliere dati fondamentali in vista della gara. Tanto è vero che domenica il pilota non è stato veloce, perché ha subito un fortissimo degrado delle gomme posteriori.

Trovare un compromesso tra sovrasterzo e feedback è veramente complicato, ma gli ingegneri nonostante ciò hanno fatto di tutto per accontentare Kimi. Ovviamente un’ulteriore problema si è rivelato quando dall’altra parte dei box, il proprio compagno di squadra, Grosjean, è riuscito ad essere veloce con gli mezzi forniti dalla squadra, senza fare troppe obiezioni.

Questo in sintesi è ciò che accaduto tra la Lotus e Raikkonen. Il pilota si è rifiutato di scendere in pista, perché insicuro della macchina e la squadra che si è sentita infastidita quando il pilota, senza scrupoli ha deciso di mandare in aria tutto il lavoro fatto fino ad allora.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>