Rc auto, tariffe in diminuzione per i neopatentati

di Gtuzzi Commenta

Decisamente a sorpresa rispetto a quanto si sta verificando ormai da diversi anni, pare proprio che le tariffe relative alla Rc auto per i neopatentati e per le donne siano in calo. A rilevarlo è Facile.it, che ha rilasciato i primi risultati di un focus periodico che si concentrerà da vicino sul problema dei prezzi della Rc auto e che va ad analizzare alcune tra le più importanti città italiane (ovvero prende in considerazione Milano, Palermo, Napoli, Verona, Bologna, Firenze, Roma e Torino).

rc auto tariffe neopatentati calo
Secondo quanto è stato rilevato da Facile.it, pare che le tariffe della Rc auto relative allo scorso mese di febbraio, che sono state messe a confronto con quelle di dicembre 2012, abbia subito una diminuzione fino al 15,8% per quanto i premi che sono destinati ai neopatentati.

rc auto tariffe neopatentati calo

MAGGIORE ATTENZIONE VERSO LE DONNE

Il focus va, in poche parole, a conferma il grande interesse che le compagnie di assicurazione pongono verso le donne che, in molti casi, risultano maggiormente attente quando sono alla guida e, al contempo, anche meno coinvolte in sinistri con colpa rispetto alla categoria maschile.
Anche per quanto riguarda le tariffe Rc auto relative alle donne, quindi, il focus ha sottolineato una riduzione, durante lo scorso mese di febbraio, comprese tra l’1,2% di Milano e il 18,1% di Firenze, mentre anche a Palermo e Napoli le riduzioni sono in doppia cifra (rispettivamente -12% e -16,1%).

NUOVE STRATEGIE DI PREZZO

Le compagnie assicurative, anche in virtù delle novità che sono arrivate negli ultimi mesi (tra cui l’eliminazione del tacito rinnovo e la previsione del contratto base), stanno cercando di modificare le proprie strategie di prezzo, anche tenendo conto delle gravità dei profili che, fino ad ora, erano fortemente penalizzati per quanto riguarda i costi.
Un altro dettaglio particolarmente interessante che è risultato dal focus di Facile.it è relativo al fatto che gli automobilisti italiani stanno pensando nuovamente alla copertura aggiuntiva dell’assistenza stradale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>