Roberto Merhi è il secondo pilota della Manor

di Alba D'Alberto Commenta

La Manor è una squadra di quelle sempre a rischio partecipazione al mondiale di F1. Pare che dopo aver risolto i problemi societari sia pronta a scendere in pista e stavolta presenta anche il suo secondo pilota, Roberto Merhi. Ecco le prime dichiarazione del giovane dalla capigliatura strana. 

Lo spagnolo ha trovato un accordo con la ex-Marussia, oggi Manor F1 Team, per scendere in pista come pilota titolare nelle “fasi iniziali” della stagione 2015 di Formula1. Manor ha anche annunciato l’ingaggio di Jordan King come Development Driver.

Sono incredibilmente emozionato di fare il mio debutto in Formula1 con la Manor a Melbourne, questo weekend. È una grossa responsabilità, ma mi sento pronto a questo step della mia carriera e a dimostrare di poter dare un contributo importante a un team in sviluppo“, ha dichiarato Merhi. “Devo ringraziare le molte persone che in questi anni mi hanno insegnato tante cose, e naturalmente il team Manor, vecchi amici che si sono fidati di me in questa nuova fase che, spero, li porti al successo.

Siccome Merhi dovrebbe partecipare alla Formula Renault 3.5 con il team Pons Racing, spiega che potrebbe tornare sui suoi passi:

“Spero che questo evento mi dia l’opportunità di correre ancora durante la stagione. Ho bisogno di uno sponsor se voglio continuare, ma sfortunatamente in Spagna non sto trovando aiuti. Spero che tutto questo mi dia la possibilità di cambiare questa situazione e di guardare al futuro con più fiducia“.

Intanto Jordan King commenta il suo ingaggio con entusiasmo:

Sono felissicimo di unirmi al team Manor Marussia come pilota di sviluppo. È un progetto emozionante, pieno di grandi persone e con una reale chance di successo. È inoltre un altro passettino verso il mio obiettivo ultimo, correre in Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>