Sciopero nazionale mezzi pubblici, conferme sull’8 febbraio

di Gtuzzi Commenta

Dalla calma apparente si arriva facilmente alla tempesta: con questa frase si può riassumere l’attuale situazione dei trasporti pubblici, che si stanno preparando ad un nuovo sciopero. Dopo un gennaio che è trascorso senza disagi o quasi, il prossimo mese di febbraio sarà da bollino rosso, almeno per quanto concerne scioperi e agitazioni in Italia.

sciopero nazionale mezzi pubblici 8 febbraio
Infatti, il “giorno dei giorni” arriverà presto, visto che il prossimo 8 febbraio i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uil trasporti, Ugl trasporti e Faisa Cisal sembra che abbiano intenzione di indire un blocco del servizio di trasporti pubblici, in special modo per quanto riguarda i lavoratori di Hds PF Nord e Sud.

sciopero nazionale mezzi pubblici 8 febbraio

PER IL MOMENTO E’ CONFERMATO

Si tratta di uno sciopero il cui svolgimento era già stato previsto durante lo scorso mese di dicembre (il 14), ma i sindacati avevano preso la decisione di rinviarlo ad un’altra data (l’8 febbraio), dal momento che alcuni segnali positivi stavano spuntando all’orizzonte.
Infatti, sul tavolo di confronto stavano per nascere delle situazioni che avrebbero potuto rappresentare una svolta per i sindacati.
Mancano poche settimane dal blocco, ma in realtà questa discussione non è ancora giunta ad alcun esito, men che meno positivo: ecco spiegato il motivo per cui, rimane tutto in bilico.
Nel caso in cui lo sciopero dovesse essere confermato, non verrebbero garantiti né i treni, né i vari mezzi pubblici in orari differenti per ciascuna città.

DANNI ALLA CITTADINANZA

Come si può facilmente intuire, se davvero venisse indetto uno sciopero il prossimo 8 febbraio, ciò provocherebbe dei disagi estremamente pesanti per la circolazione dell’intera cittadinanza. Si può facilmente intuire come questo nuovo sciopero porterà ad un forte incremento del traffico nelle città più grandi e popolate, anche per via della rinuncia forzata all’utilizzo dei trasporti pubblici, sopratutto per recarsi al lavoro.
Ad ogni modo, si tratta di una situazione in continua evoluzione, che potrebbe cambiare da un giorno all’altro e, proprio per tale ragione, deve essere tenuta sotto costante attenzione, perché le novità sono dietro l’angolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>