SsangYong, parte del programma per il futuro

di Riccardo Guerra 1

Il costruttore sudcoreano SsangYong ha presentato recentemente la nuova generazione del SUV Korando, dopo mesi di speculazioni e di chiacchiere intorno a questa possibilità, ed esattamente al Salone di Parigi 2010 di qualche settimana fa, facendo sperare in un miglioramento della propria salute, segnata, nel passato recente, da una profonda crisi (che le ha causato un regime di amministrazione controllata) e da un burrascoso rapporto con i propri operai (sfociato anche nell’occupazione di alcuni ambienti dell’azienda per un periodo di tempo durante l’estate del 2009). Ed oggi, il fabbricante orientale mostra ancora maggiori segnali di energia, di voglia di rialzarsi, grazie ad alcune indiscrezioni in merito ad un ampliamento della gamma: che sia questo l’effetto dell’acquisto della maggioranza dell’azienda da parte dell’indiana Mahindra & Mahindra?

Stando alle chiacchiere più recenti, SsangYong Motor Company commercializzerà un SUV di dimensioni importanti durante l’anno venturo: uno Sport Utility Vehicle che possa competere con Hyundai Santa Fe (che misura oltre 4,6 metri di lunghezza). Questa vettura sarà probabilmente dotata della denominazione Musso, già appartenuta, in passato, alla gamma del costruttore sudcoreano, sarà offerta con trazione integrale o trazione anteriore, a scelta, e verrà equipaggiata con un inedito propulsore 2,2 litri quattro cilindri diesel sovralimentato, messo a punto dagli ingegneri SsangYong, ed un motore 2,0 litri quattro cilindri benzina proveniente da qualche parte fuori dalla patria del fabbricante orientale.

In seguito, ci sarà lo spazio per un nuovo piccolo SUV SsangYong, ipoteticamente di dimensioni compatte, contenute sotto i 4,2 metri di lunghezza, realizzato su una piattaforma nuova di zecca per la gamma, che andrà a far concorrenza allo sbarazzino Nissan Juke e che potrebbe essere costruito anche in India, grazie all’appoggio dell’azienda Mahindra & Mahindra. La nuova generazione del più grande SsangYong Rexton, invece, non sarà modellata molto presto: il layout meccanico e l’aspetto fisico della vettura, secondo la stessa casa automobilistica SsangYong, permettono a Rexton, dopo anni di commercializzazione (in Italia è in vendita dal 2002), di avere ancora un mercato nel settore automotive, anche per le doti in fuoristrada e per le grandi capacità di traino.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>