F1 test Barcellona, Hulkenberg veloce ma Vettel durevole

di Sebastiano Cucè 1

La seconda giornata di test a Montmelò finisce con una Force India davanti a tutti. E’ Nico Hulkenberg a segnare il miglio tempo(1:22.608) già subito nella mattinata, perché nel dopo pranzo quasi tutti i piloti sono stati impegnati in long-run. Anche se i potenziali delle squadre rimangono un po’ nascosti è chiaro che la Red Bull appare ancora la macchina più veloce da battere. Seguono Ferrari e Mercedes, ma soprattutto la McLaren che con Hamilton ha dimostrato di imitare più volte gli stessi tempi del campione del mondo.

Pos Pilota Team Tempo Giri
1. Hulkenberg Force India 1m22.608s 112
2. Perez Sauber 1m22.648s 0,040 85
3. Vettel Red Bull 1m22.891s 0,283 104
4. Alonso Ferrari 1m23.180s 0,572 87
5. Ricciardo Toro Rosso 1m23.639s 1,031 48
6. Hamilton McLaren 1m23.806s 1,198 120
7. Rosberg Mercedes 1m24.555s 1,947 82
8. Bottas Williams 1m25.738s 3,130 117
9. Petrov Caterham 1m26.605s 3,997 69
10. Pic Marussia 1m27.343s 4,735 108



RED BULL POTENTE – la Red Bull è forse la macchina più coerente. Sebastian Vettel durante la mattina è riuscito a mantenere per diversi giri la prima posizione e nel pomeriggio è stato uno tra i pochi a percorrere più di 100 giri. Il suo lavoro è stato alternato da diversi pit-stop.


INCERTEZZA ALONSO – sulla Ferrari è difficile dare un giudizio. Lo spagnolo durante la giornata ha lavorato sulla configurazione degli scarichi della sua macchina per poi ottenere nel pomeriggio il quarto tempo della giornata (1:23.180). Daniel Ricciardo è arrivato dietro allo spagnolo ed è stato responsabile per ben due volte dell’ingresso della bandiera rossa

MERITI ALLA MCLAREN – se si dovesse scegliere un avversario valido per la Red Bull, sicuramente questo sarebbe la McLaren. Lewis Hamilton è stato il più produttivo durante la giornata, perché ha completato 120 giri, ottenendo il sesto tempo della giornata. Ma la particolarità sta nel fatto che Hamilton, durante la sua simulazione di gara con gomme medie usurate, riusciva a rimanere vicinissimo ai tempi di Sebastian Vettel. Questo a dimostrazione che la McLaren può vantare di un degno passo di gara.

Photo credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>