Test Pirelli da bagnato estremo, in Francia anche la Ferrari

di Alba D'Alberto Commenta

Molto del Circus ormai si stabilisce a tavolino. Una gara non è più soltanto la performance di un pilota ma è piuttosto il risultato di una strategia messa a punto dalla società, dalla squadra anche in considerazione della scelta delle gomme, del numero di stop occasionali e via discorrendo. La Ferrari era presente ai test Pirelli in Francia.

La pista francese a Le Castellet è stata allagata in modo artificiale per consentire alle squadre di testare le nuove gomme Pirelli da bagnato estremo. Ad effettuare i test c’erano i piloti della Ferrari e quelli della Red Bull, più il collaudatore della McLaren, tutti con le vetture del 2015.

In pista quindi Vettel e Raikkonen, ma anche Ricciardo, Kvyat e Vandoorne. Dopo due mesi dalla conclusione del Mondiale 2015 ad Abu Dhabi, la Formula 1 ha riportato l’attenzione sull’importanza delle gomme. In due giorni di test ha deciso di collaudare le gomme da bagnato estremo che sono state montate da Ferrari, Red Bull e MacLaren. Le scuderie non si sono risparmiate schierando in pista i loro titolari.

Il primo a girare con le nuove Pirelli da bagnato estremo è stato Raikkonen. A Vettel invece spetta l’onere di concludere i test ad un giorno di distanza. Non è stata da meno la Red Bull con Ricciardo in pista il primo giorno e Kvyat pronto a dire la sua nella seconda fase di test. La McLaren soltanto ha preferito mandare in pista il suo collaudatore, Stoffen Vandoorne e non i piloti.

Gli organizzatori ci hanno tenuto a specificare che i test sono stati importantissimi ma sono stati condotti per il momento con le vetture scese in pista nello scorso campionato, con le monoposto 2015.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>