Alla F1 fanno bene le polemiche ma la Ferrari ha sbagliato, parla Briatore

di Alba D'Alberto Commenta

Il battibecco cui Briatore si riferisce è quello tra la Ferrari e la Pirelli. Una polemica che sembrava essersi sgonfiata ma sta chiamando in causa tanti personaggi. Ha iniziato Vettel, ci ha messo bocca anche Arrivabene ed ora è entrato a gamba tesa sul Cavallino anche Briatore. 

La posizione della Ferrari è netta: incidenti come quello di Vettel non devono succedere perché si mette a repentaglio la vita dei piloti. La posizione della Pirelli è altrettanto chiara: avevano suggerito alle scuderie di fare 2 o 3 soste e non soltanto 1 com’è accaduto. Il battistrada di Vettel è scoppiato perché la Ferrari non ha rispettato le indicazioni.

La pensa come la Pirelli anche Briatore che dice al Cavallino di aver sbagliato strategia: bisognava rispettare le indicazioni. Però la polemica è ben accetta perché soltanto in questo modo si riesce a dare un po’ di sale ad una noiosissima Formula 1 dove la cronaca racconta della solita vittoria di Hamilton e della potenza della Mercedes.

Ecco le parole di Briatore intervistato da Repubblica:

È semplicissimo. La Pirelli prima della gara dà l’indicazione di quanti pit stop devi fare, e tu ti devi attenere a quelle indicazioni. Le gomme sono una componente fondamentale di questo sport. Se chi le ha fabbricate ti dice che devi fare una strategia a due soste, o al massimo una a tre, vuol dire che se fai un solo pit stop lo fai a tuo rischio. Dopodiché ti può andar bene, e allora fai la figura del fenomeno. Se però ti va male, non puoi dare la colpa al costruttore”. Strategia sbagliata dunque per Briatore: “Quando ho visto che Seb faceva un pit stop solo mi sono detto che avrebbe finito la gara girando molto lentamente. Ma il team sapeva perfettamente quello che stava facendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>