Aston Martin, nuove indiscrezioni sulla rinascita di Lagonda

di Riccardo Guerra Commenta

La casa automobilistica Lagonda ritornerà in vita: a dirlo è Ulrich Bez, l’Amministratore Delegato di Aston Martin (Lagonda è registrata come Aston Martin Lagonda Limited ed appartiene all’azienda britannica di Gaydon). La notizia non è nuova, ma il fatto che il manager torni sulla questione ci fa pensare che il progetto non si sia arenato nel tempo e che la voglia di vedere Lagonda sul mercato sia ancora molto forte, nel Regno Unito.

L’idea di Bez e dei suoi è quella di realizzare una gamma, la gamma Lagonda, che sia adatta a determinati mercati: Aston Martin è presente in 35 Paesi, ma in alcuni non ha la possibilità di mettere radici profonde. Come in Russia: là dove guidare una supercar non è sempre possibile. La nuova Lagonda, infatti, produrrà SUV: crossover potenti e raffinati, fuoristrada ricercati, di lusso, adatti ad una clientela molto esclusiva (una nicchia di persone ben definita: il prezzo delle vetture Lagonda sarà compreso tra 100.000 sterlina e 300.000 sterline, cioè tra 120.000 euro e 350.000 euro circa). La scelta di produrre Sport Utility Vehicle è direttamente proporzionale al grande sviluppo di questa tipologia di automobili nel mercato: i SUV di lusso sono sempre più apprezzati, tanto che De Tomaso ha voluto iniziare da lì la sua nuova storia e Bentley ha già pronto, nel taschino, il progetto di un crossover di grandi dimensioni. Senza contare i vari Range Rover, X5, Q7, Cayenne, ML…

Fare SUV Aston Martin sarebbe davvero troppo, oggi, per gli appassionati (che già si sono sforzati di accettare un’utilitaria, Aston Martin Cygnet): ecco che, allora, si ricorre e si utilizza il marchio Lagonda, che sarà indipendente da quello di Gaydon in tutto e per tutto (nessun veicolo Lagonda diventerà Aston Martin e nessun modello Aston Martin diventerà Lagonda). Per creare quest’indipendenza, si stanno cercando partner che forniscano pianali e motorizzazioni (la partnership con Mercedes pare essere parzialmente sfumata: ne sapremo di più in seguito).

Nel frattempo, Aston Martin sta mettendo a punto una versione elettrica di Cygnet, che sarà commercializzata nel 2012.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>