Chrysler ecoVoyager concept

di Danilo D'Agata Commenta

art_21556_2_1.jpg

Parlando sempre di novità targate Detroit, il gruppo Chrysler ha presentato un’azzeccata interpretazione del concetto di ibrido attraverso una concept: è cosi nata la Chrysler ecoVoyager concept.

Finora la moda dei crossover, ovvero di quei veicoli a metà strada tra categorie differenti, ha visto come base soprattutto i SUV, per assomigliare a station wagon o addirittura a coupè, o magari le utilitarie, che negli ultimi anni non sono rimaste indifferenti di fronte alla praticità delle monovolumi. Solo Chrysler ha avuto il coraggio di rivoluzionare una monovolume per darle l’eleganza e il dinamismo di una berlina di classe superiore.

La ecoVoyager concept è dotata di un motore elettrico alimentato da batterie Li-Ion e di cella a combustibile (idrogeno) in grado di erogare 268 cavalli e di percorrere 480 km in piena autonomia.
In termini di design l’ecoVoyager concept “proietta il marchio Chrysler in una nuova direzione, quella dell’eleganza e della semplicità”, come ha detto Greg Howell, capo del progetto. Le forme ricordano molto quelle del Voyager di serie, ma ne enfatizzano le peculiarità e nel complesso avvicinano il corpo vettura al probabile stile automobilistico che vedremo su strada nei prossimi anni.
Esternamente la vettura misura 4,85 metri di lunghezza, 1,91 m di larghezza ed è alta 1,6 metri. Non molto soddisfacente il vano bagagli, che a giudicare dalle fotografie offre poca capacità di carico.


art_21556_2_2.jpg

L’abitacolo invece promette grande luminosità grazie alle numerose superfici vetrate, disegnate da una linea fortemente aerodinamica. Enfatizzano la spaziosità a bordo sia il colore prescelto per i rivestimenti, che la semplicità della plancia e la disposizione dei quattro sedili.

Tra le note negative, da citare sicuramente le prestazioni su strada che non sono certo il top basti pensare che ecoVoyager raggiunge i 100 km/h in quasi 9 secondi ma in realtà molto soddisfacente se si considera le dimensioni generose della vettura, il cui peso per altro è di circa 1.300 kg.
Ovviamente occorrerà aspettare ancora un pò prima che la ecoVoyager raggiunga il suo stato definitivo ma la strada percorsa dagli ingegneri della Chrysler sembra essere quella giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>