Due supercar della famiglia reale del Qatar incriminate dall’autorità britannica

di Riccardo Guerra Commenta

Da qualche giorno a questa parte, YouTube, il contenitore di video sulla piazza virtuale, ha segnalato una straordinaria presenza di supercar di notevole valore – automobilistico ed economico assortito – che scorrazzano nel reticolato di strade attorno al centro di Londra. E, se già non l’aveste immaginato, la maggior parte delle stesse proviene da famiglia arabe: qualcuno, interrogato sul fatto, postilla che un’affluenza estiva di vetture sportive (tra le altre, Lamborghini, Pagani, Bugatti, Rolls Royce, Ferrari et similia) nella capitale britannica sia una consuetudine estiva e che esse scompaiano con l’arrivo del Ramadan, il digiuno imposto dalla religione islamica (che inizia l’undici agosto).

In realtà, la causa di una simile grande affluenza è da ricercarsi nel fatto che, dallo scorso 8 maggio dell’anno corrente, gli storici magazzini Harrods sono stati venduti dall’altrettanto storico proprietario, Mohamed Al Fayed, alla Qatar Holding (per 1,5 miliardi di sterline): l’acquirente, per farla semplificata, sarebbe la famiglia Al-Thani, dinastia regnante del Qatar: che ha pensato bene di trasferirsi con il personale e riccamente fornito parco automobili a Londra.

Ma, proprio accanto ai magazzini Harrods, un misfatto ha scalfito la patina aurea che contraddistingue le attività degli arabi: dopo numerose ed arroganti peripezie nelle vie circostanti il sito commerciale, nel quartiere South Kensington, una Lamborghini Murcielago LP 670-4 SuperVeloce ed una Koenigsegg CCXR sono state bloccate dall’autorità preposta alla vigilanza su strada, a causa di un parcheggio altrettanto arrogante, ma, soprattutto, illegale.

Le due sportcar potranno essere liberate dall’inghippo legale versando una somma pari a 235 dollari ciascuna, circa 180 euro: una cifra che, per i regnanti della famiglia Al-Thani, non sarà certamente difficoltoso trovare. Una particolarità delle due vetture anzidette, una Lamborghini Murcielago LP 670-4 SuperVeloce ed una Koenigsegg CCXR, è la colorazione in una cromia azzurra decisamente densa, opaca per la vettura del Toro, tradizionale per la svedese: la tonalità pare essere una scelta precisa della dinastia di sovrani, che l’hanno preferita, guarda caso, anche per la prossima vettura, di recente fabbricazione, pronta a terminare il proprio tragitto in un garage del Qatar: quella one-off che Horacio sta realizzando come espressione unica di un unico cliente, Pagani Zonda Uno, nello stesso azzurro carico delle due sopra dette.

Il video delle vetture incriminate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>