Formula 1, Alonso sogna il colpo a Suzuka: “Un premio qui sarebbe ottimo”

di Moreno 1

Intanto, attraverso il suo diario che viene aggiornato e pubblicato dal sito della Ferrari, Fernando Alonso sembra essere lontano anni luce dalle polemiche e dalle tensioni racconta le prime sensazioni dopo l’arrivo in Giappone in vista del Gran Premio: “Sono arrivato a Suzuka e ho trovato subito una sorpresa. Il ristorante italiano ‘Campanella’, tradizionale ritrovo di tanta gente della Formula 1, non esiste più. Peccato, perché lo frequentavo sin dalla prima volta che venni a Suzuka, alla fine degli anni Novanta, quando corsi qui con i kart. Ero nello stesso hotel dove sono adesso e tanti bei ricordi di questo circuito sono legati proprio a quella prima esperienza”. Ma al di là della descrizione di posti e di abitudini tradizionali, una cosa sembra preoccupare il pilota: la gara. Un Gp che si preannuncia fondamentale per la stagione della Ferrari e che in caso di vittoria potrebbe significare il primato in classifica. “Certo, c’è stato anche il successo del 2006, fondamentale per il mio secondo titolo iridato. So bene che quella gara fa tornare alla mente qualcosa di spiacevole per tanta gente dentro e fuori la Ferrari ma così sono le corse vincere su questo tracciato dà un’emozione speciale perché è una delle piste più difficili del mondo. Per riuscirci bisogna avere una macchina molto forte dal punto di vista aerodinamico: per certi versi, è simile a Silverstone e a Barcellona”. “C’è un primo settore molto particolare – continua lo spagnolocaratterizzato da una prima curva molto lunga e da una serie di Esse che, se non percorse nella maniera migliore, possono influenzare pesantemente il tempo sul giro. È una pista molto esigente anche per la meccanica e dal punto di vista del pilotaggio. Come ho già detto nei giorni scorsi, la F10 si è dimostrata competitiva in circuiti molto differenti fra loro come quelli di Monza e Singapore quindi non ci sono motivi apparenti per cui non debba esserlo anche a Suzuka. Poi, per cominciare a capire davvero dove saremo, bisognerà attendere venerdì pomeriggio, quando avremo svolto le prime due sessioni di prove libere”. “Mi piace il Giappone, è uno dei miei Paesi preferiti – racconta Alonsomi piace per il cibo e per la cultura, entrambi così diversi dalla nostra tradizione europea. E poi c’è Tokyo, una città bellissima, che è sempre molto interessante. Correre a Suzuka è speciale, anche per l’entusiasmo che danno i tifosi giapponesi, davvero appassionati. Speriamo di poter offrire loro un bello spettacolo questo fine settimana”.

Commenti (1)

  1. Salve Ragazzi siete stati super domanica passata bravissimi mi raccomando non fatevi trasportare dell’euforia sempre piedi per terra e continuate a lovorare a testa bassa che ce la possiamo fare credeci fino in fondo non scordatevi che il mondiale è li e si aspetta da voi il massimo per queste ultime gare, portate nuovi sviluppi in aerodinamica per piste medio lente, e vedrete che i risultati verranno provate a limare ancora nei baricentri abbassandoli ancora si può fare di più riguardo alle ali in ogni pista lavorate molto nel baricentro dei pesi spostateli finche non trovate la massima prestazzione ok un imbocca al lupo a tutto la STAFF FERRARI bravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>