Formula 1, il Mondiale é più aperto che mai. Cinque piloti in corsa negli ultimi cinque Gran Premi. Ma Alonso ha un alleato in più…

di Moreno Commenta

Quando mancano oramai cinque gran premi alla fine del Mondiale 2010, la lotta per il titolo iridato è più avvincente ed emozionante che mai, con ben cinque piloti in lizza per la vittoria finale. Dopo la prestigiosa e fondamentale vittoria di Monza, che ha messo finalmente in mostra le qualità di Alonso e l’eccezionale lavoro dei meccanici del box Ferrari, il pilota spagnolo è rientrato prepotentemente in corsa: gli sfidanti per il titolo però, sono sempre gli stessi. La coppia di piloti McLaren (Hamilton e Button) e quella della Red Bull (Webber e Vettel).

In classifica Alonso, con 166 punti si piazza esattamente a metà del guado: prima di lui ci sono Webber (Red Bull) con 187 punti e Hamilton (McLaren) a 182; sotto Button (McLaren) con 165 e Vettel (Red Bull) a 163. Ora il compito più importante spetta proprio ad Alonso e alla Ferrari: la concorrenza è forte, il gap di punti è consistente (-21), ma la rossa dovrà ottenere il massimo in tutti i circuiti rimasti in calendario. Centellinando i motori per il raggiunto limite di unità nuove da poter utilizzare, che però potrà essere controbilanciata da una grande compattezza di scuderia, ancor più confortante se Massa dovesse confermarsi capace di coprire le spalle di Alonso. E questa è senz’altro una situazione privilegiata che gli altri due team in lotta per il titolo, McLaren e Red Bull, non possono vantare. Anzi.

Infatti, una delle chiavi di volta di questo mini-Mondiale in 5 tappe che andrà ad iniziare con il Gp di Singapore, risiederà nella capacità di Alonso e della Ferrari, di sfruttare le lotte intestine in seno agli altri team, con i piloti che ostacolandosi, potrebbero portarsi via punti a vicenda. E visto che nella Red Bull la guerra è aperta, con Webber che in pista ha conquistato galloni da prima guida che il team, invece, continua a conferire a Vettel, e che in McLaren Hamilton vola, ma esagera e non è riuscito a scrollarsi di dosso Button, il quale con pazienza e acume è sempre lì, i margini di speranza per Alonso e la Ferrari aumentano. E i precedenti illustri del passato, possono essere un’ulteriore iniezione di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>