Vettel vince e commuove Monza corteggiando l’Italia

di Sebastiano Cucè 2

Il Gran Premio d’Italia finisce con una netta sconfitta per la Ferrari nonostante i buoni propositi nei primi giri grazie alla straordinaria partenza di Fernando Alonso, ma tutto cambia quando la Red Bull di Vettel ha imposto il suo ritmo e da li fino alla fine il tedesco si è mostrato impeccabile, imprendibile e fortissimo, un’altro livello.

 

Alla fine Alonso è stato passato anche da Button e tallonato da Hamilton, ma almeno è riuscito ad affacciarsi al pubblico italiano dal podio, un terzo posto di consolazione regalato da Michael Schumacher attraverso una delle più belle prestazione dal suo ritorno alle corse, infatti se non fosse stato per il sette volte campione del mondo che ha tenuto per diversi giri Hamilton alla spalle, la Ferrari non avrebbe mai ottenuto tale risultato.

La gara nel proseguire è stata poco emozionante causa risultato scontato, ma a prescindere dalle buone prestazioni di piloti come Schumacher, Alguersuari e Senna, che finalmente conquista i suoi primi punti, il popolo ferrarista ed in particolare l’Italia ha accolto con entusiasmo i corteggiamenti dell’attuale campione in carica nonché prossimo alla conferma Sebastian Vettel.

 

Il tedesco da sempre legato col “bel paese” ha trascorso l’intera gara con un memorial sul casco rappresentante i 150 anni del nostro paese. Al termine della gara poi ha ribadito il gesto evidenziando la bandiera più volte alle telecamere del mondo, ma ciò che forse ha legato da oggi questo ragazzo di 24 anni con l’Italia è stato quando davanti al fiume rosso, sopraggiunto per salutare il terzista Alonso, Sebastian si è commosso con tanta spontaneità.

 

In pratica il pilota ha percepito la passione che le persone riservano nelle corse ed in particolare nella Ferrari, la macchina che tutti vorrebbero guidare e che Vettel desidera, perché è storia, perché è sentimento.

. Momentaneamente il cuore del popolo ferrarista è impegnato con Alonso, nonostante sia in attesa della scontata gloria che lo spagnolo raggiungerà, ma nonostante in F1 le cose cambiano in fretta sembra quasi scontato a chi sarà assegnato in futuro il compito di continuare la storia in Ferrari.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>