Infiniti Emerg-E Concept, prime immagini ufficiali

di Riccardo Guerra Commenta

La casa automobilistica giapponese Infiniti ha rilasciato le prime immagini ufficiali della nuova Emerg-E Concept, la novità che ha preparato per il Salone di Ginevra 2012 e che è già stata ampiamente anticipata da alcuni teaser ufficiali, durante le scorse settimane. Fotografie, queste, che mettono a nudo un’affascinante vettura sportiva, dal design molto elaborato e piacevole. Purtroppo – meglio puntualizzarlo subito – non sono state divulgate le informazioni in merito a questa nuova fastback, per le quali dovremo pazientare ancora alcuni giorni (dopotutto, manca poco all’inizio del Salone di Ginevra 2012, che si svolgerà tra l’8 ed il 18 marzo venturi).

LINEE MORBIDE, DESIGN SPORTIVO Anche la nuova Infiniti Emerg-E Concept viene dotata di linee molto dolci, molto fluide, molto morbide come tutte le nuove vetture della gamma e come le concept car Infiniti Essence ed Infiniti Etherea, La fastback, tuttavia, grazie anche al suo corpo molto basso, schiacciato a terra, dispone di un’energia molto abbondante e di una muscolatura evidente, voluminosa. A questa forza stilistica sono affiancati gruppi ottici sottili, tanto nella zona frontale quanto nella parte posteriore, superfici vetrate dolcissime, nervature disseminate su tutto il corpo e appendici aerodinamiche sporgenti. All’interno dell’abitacolo si respira un’aria moderna, futuristica: la plancia, la consolle centrale, il cockpit strumentazione sono molto raccolti e, allo stesso tempo, elaborati (e ciò è quasi un ossimoro).

MECCANICA ECOLOGICA La nuova Infiniti Emerg-E Concept è stata equipaggiata con una meccanica elettrica con range-extender, installata nella zona centrale del pianale (ed ecco perché l’abitacolo è così avanzato, spostato verso l’asse anteriore): la fastback sportiva della casa automobilistica giapponese viene dotata di un motore elettrico (o forse più d’uno?) e di un propulsore a combustione termica usato come generatore di energia elettrica, quindi responsabile dell’incremento dell’autonomia.

Non sappiamo quale sia il suo futuro, a cosa sia destinata: per il momento, scriveteci cosa ne pensate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>