Le nuove regole in Formula 1

di Alba D'Alberto Commenta

GP Brasile 2013, les jeux sont faits con doppietta Red Bull e Ferrari di bronzo - UltimoGiro.com

 

Tra qualche settimana inizierà la stagione di Formula 1 e cresce l’attesa per vedere la nuova Ferrari che schiera due campioni del mondo come Fernando Alonso e Kimi Raikkonen. Il campionato mondiale di Formula 1 potrebbe essere uno dei più interessanti e imprevedibili degli ultimi anni.

E questo perché la Federazione internazionale automobilismo (Fia) ha fatto delle modifiche al regolamento tecnico. Con le nuove regole è probabile che il dominio delle Red Bull possa essere influenzato e il campionato essere più combattuto e affascinante.

In effetti, questa introduzione di nuove regole tecniche per evitare che il campionato mondiale di Formula 1 si trasformi in una monotona rassegna di vittorie di una scuderia non è la prima volta che accade. Nel 2005 l’egemonia della Ferrari è stata interrotta proprio dall’adozione di nuove regole e questo potrebbe ripetersi ora. La Red Bull domina da anni perché ha saputo interpretare meglio le novità tecniche introdotte e ora le cose potrebbero cambiare.

Una Formula 1 più competitiva e tirata fino alla fine? Lo sperano in molti per lo spettacolo.

Il nuovo regolamento di questa stagione lascia maggiore autonomia ai progettisti nello sviluppo di soluzioni tecniche per le monoposto differenti rispetto alle avversarie

Vediamo alcune delle più importanti novità di quest’anno.

  • Ogni pilota ha a disposizioni cinque motori per la stagione e non più otto;
  • Ci saranno i nuovi V6 turbo da 1.6 litri al posto dei V8 aspirati da 2.4 litri;
  • Il serbatoio del carburante permetterà di ridurre i consumio del 35% e potrà contenere un massimo di 100 litri
  • I cambi hanno fino a 8 rapporti più la retromarcia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>