F1 2012, la McLaren ha un nuovo anteriore

di Sebastiano Cucè Commenta

Quando ieri mattina a Barcellona i giornalisti erano tutti davanti i box della Red Bull, nessuno o pochi si sono accorti che anche la McLaren ha introdotto delle importanti novità alla macchina. Diversamente dalla Red Bull che ha rivoluzionato il posteriore, nella McLaren le novità si trovano nella parte opposta. A fare la spia è stato il direttore tecnico della Force India, Andy Green, facendo notare l’assenza dello splitter sotto il naso della MP4-27.



NIENTE SPLITTER – La filosofia McLaren è cambiata. Gli inglesi hanno costruito una macchina col naso e il telaio basso, per lasciare allo splitter il compito di assorbire il flusso nella parte anteriore, svolgendo quindi una pressione frontale. In assenza di esso la direzione del flusso nel sottoscocca è scomparso. Ma la McLaren ha adesso due alette sui lati estremi della monoscocca. Questo, secondo l’ex progettista della Jordan Gary Anderson, permette di far passare più aria sotto il naso, creando un vantaggio per il diffusore, sacrificando però un po’ di carico aerodinamico.

OSSESSIONE F-DUCT – La McLaren che nel 2010 fu l’introduttrice del sistema, pare che come la Mercedes abbia montato un’evoluzione del prodotto. Proprio per le novità sopra citate, con il nuovo F-Duct gli inglesi vogliono pulire il flusso sotto l’ala anteriore. Questo porta dei vantaggi non solo per il sottofondo, ma aumenta la velocità di punta nei rettilinei.

Tutto questo rende la realtà ancora più amara per la Ferrari. Se i team rivali stanno introducendo importantissime novità rivoluzionarie, il team di Maranello ha invece dimostrato di essere indietro con i lavori, per di più non convinta delle decisioni intraprese. Fino a due giorni fa i piloti erano impegnati in prove aerodinamiche sul rettilineo.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>