Mercedes G55 AMG, stop alle vendite per le troppe richieste

di Riccardo Guerra 2

Può sembrar strano, dato che la vettura ha un discreto numero di anni sulle spalle (è nata nel 1979. Ripeto: nel 1979!). Eppure, la crisi del resto del mondo delle automobili non sembra intaccarla, non sembra toccarla, non sembra ferirla, non sembra impaurirla: l’invulnerabile ed intramontabile Mercedes Classe G non smette di raccogliere consensi, nonostante le linee ruvide e dure e la meccanica non così moderna. Secondo alcune fonti (interne all’azienda della Stella a Tre Punte), il brand di Stoccarda è stato costretto a fermare le vendite della versione più esclusiva di Classe G, cioè la declinazione prodotta da AMG, a causa dell’eccessiva quantità di richieste: in altre parole, già oggi tutta la produzione è assegnata ad un cliente.

Non che la vettura abbia un regime di produzione così elevato: Mercedes G55 AMG è un veicolo di nicchia e viene prodotto in numeri esigui, perché, al di là dell’aspetto estetico (soggettivo) e della meccanica (idem), il fuoristrada sportivo costa (in Italia) 133.608 euro e viene dotato di un motore 5,4 litri V8 benzina da 507 cavalli (abbinato a trazione integrale e cambio automatico sequenziale a cinque marce con cinque ridotte). Ma proprio queste caratteristiche, tutte, rendono così inusuale una forte richiesta, in special modo in un momento delicato per il mercato dei motori.

Dobbiamo quindi dire addio a Mercedes Classe G AMG? Niente affatto: la casa automobilistica della Stella a Tre Punte sta confezionando un restyling per il fuoristrada sportivo, che probabilmente debutterà durante l’anno venturo, ed una speciale e molto particolare nuova versione super-sportiva, dotata di motore V12 benzina e chiamata Mercedes G65 AMG. In definitiva: sino al debutto del maquillage di Mercedes G55 AMG non si potrà più acquistare il modello (perché le linee di montaggio non sono in grado ora di soddisfare altre richieste), ma dopo il lancio del lifting l’attesa sarà ripagata dall’arrivo non di una bensì di due varianti sportive firmate dalla divisione di Affalterbach, AMG.

Photo credits | Getty Images

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>