Brawn lotta per ridurre i costi in F1

di Sebastiano Cucè 2


Arriva un allarme premonitorio in Formula 1 ed arriva dall’uomo chiave che nel 2009 seppe sfruttare la giusta occasione per vincere un mondiale. Ross Brawn insiste nell’unità dei team affinché vengano definitivamente abbattuti i costi nello sport, attraverso un impegno comune e severi controlli. In gioco la sopravvivenza dei piccoli team, ma anche di grandi squadre, nonché di possibili investitori pronti ad entrare in scena in un vicino futuro.

L’accordo delle restrizioni delle risorse(RRA) avrà termine l’anno prossimo, fu approvato alla fine del 2008, quando BMW e Honda annunciarono il loro ritiro dal circus. Quell’accordo che doveva sopperire alla crisi e allo stesso tempo aiutare i team più piccoli, sembra non sia servito a nulla, perché in realtà, come afferma lo stesso Brawn, molti team non rispettano il limite di spesa e fanno di tutto per camuffare le loro reali uscite.

Penso che ci siano sette o otto squadre per le quali la RRA non significa nulla, perché stanno andando sempre al di sotto del limite” ha spiegato Ross Brawn.

Ultimamente le accuse sono state gettate su Mercedes e Red Bull, che a quanto pare non rispettano il loro limite di spesa ed è per questo che Brawn vede come problema l’assenza di controlli adeguati ad evitare che ciò accada.


Siamo forti sostenitori dell’idea del limite (RRA), ma per noi deve essere molto più robusto nel modo in cui è controllato, come è monitorato, perché è una performance di differenziazione” ha continuato il team boss MercedesNon si può negare che una squadra che spende 5 milioni in più ogni anno avrà un vantaggio su una squadra che non lo fa“.

Ovviamente Brawn è spinto dalla consapevolezza che attualmente la sua Mercedes non ha le risorse finanziarie e materiali per poter confrontarsi con team come Red Bull e Ferrari. Il team è giovane e nonostante già quest’anno ci siano stati degli acquisti di personale tecnico, la strada per il successo appare lontana, dunque perché non anticiparla cercando di ridurre i costi degli avversari? Chissà se avesse detto la stessa cosa ai tempi d’oro in Ferrari.

Photo credits | Getty Images

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>