Saab 9-4X al Salone di Los Angeles 2010

di Riccardo Guerra Commenta

Dopo mesi di speculazioni e dubbi, dopo una crisi mondiale profondissima ed una personale, ancora più nera e pericolosa, dopo l’acquisizione da parte del piccolo produttore olandese Spyker, dopo l’arrivo di una lista lunghissima di concorrenti, nel segmento degli Sport Utility Vehicle, anche Saab si appresta a lanciare sul mercato il proprio crossover, 9-4X, che presenta in queste ore presso il Salone di Los Angeles 2010, che si aprirà domani per il pubblico e si chiuderà nella giornata del 28 novembre. Si tratta ancora di un prodotto dipendente da General Motors, il vecchio padrone, ma è segno (perdonatemi questa euforia) del desiderio di rilancio e della volontà di allargare il proprio spessore da parte del costruttore nordeuropeo.

Dipendente da General Motors, dicevamo. E perché mai? Beh, la piattaforma Theta Premium del nuovo SUV svedese, Saab 9-4X, è la stessa della seconda generazione del SUV americano Cadillac SRX, che non viene commercializzato in Europa: il colosso degli Stati Uniti, dunque, ha concesso ancora un po’ di affetto al brand (che però ha contribuito a porre in una posizione di arretratezza, nei confronti di altri europei), dandogli una piccola parte del proprio scaffale. Anche la matita, che è chiaramente Saab, per la sua somiglianza con le altre automobili della gamma e per la sua fedeltà alla tradizione estetica del costruttore, non è stata sviluppata dal neo-Responsabile del Design, Jason Castriota, ma da qualcuno dell’era precedente. Il risultato della nuova Saab 9-4X?

A mio avviso, poco moderno, piuttosto comune, talvolta scontato, tuttavia gradevole e proporzionato, semplice e diretto. Il nuovo crossover svedese, 9-4X, verrà commercializzato dapprima negli Stati Uniti, a partire dal prossimo maggio, e in seguito anche in Europa, dal tardo 2011. La nuova Saab 9-4X viene dotata di trazione integrale standard e di controllo attivo dello chassis dell’automobile. Inizialmente, la gamma delle motorizzazioni di 9-4X sarà composta da due motori ad iniezione elettrica del carburante (benzina): un 3,0 litri V6 da 263 cavalli ed un 2,8 litri V6 sovralimentato da 298 cavalli. Entrambi saranno gestiti da una trasmissione automatica a sei velocità. La stessa casa automobilistica ha definito il SUV come “una fresca, alternativa scelta per i clienti di crossover dalla mentalità indipendente” e “il prossimo passo per la rinascita (del brand, ndr) come un costruttore di automobili indipendente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>