Tesla Roadster: supercar elettrica

di Danilo D'Agata Commenta

11.jpg

Finalmente sembra essere tutto pronto per il lancio della Tesla Roadster, una coupé americana non come tutte le altre: questa vettura infatti è totalmente elettrica, ed è un progetto sul quale hanno partecipato diversi finanziatori tra cui anche il colosso Google. La Tesla ha finalmente ricevuto l’approvazione delle autorità americane per la produzione e la commercializzazione di un esemplare di pre-serie, denominato “P1”, sarà consegnato fra pochi giorni al presidente di Tesla Motors Elon Musk.

La produzione di serie partirà il 17 Marzo, pertanto i clienti che l’hanno già ordinata dovranno ancora aspettare qualche tempo prima di poter avere tra le mani la loro nuova Roadster, supercar capace di uno 0-100 Km/h in soli 4 secondi. Spesso si parla di diversi sistemi di trasmissione nei veicoli elettrici e soprattutto su quale sia il migliore, vedremo cosa ci farà vedere questa magnifica Tesla Roadster.


22.jpg

I primissimi esemplari venduti, saranno equipaggiati con una trasmissione “provvisoria” che limita l’accelerazione a 5,7 secondi sullo 0-100 Km/h. Si tratta di un cambio manuale a 2 velocità che però verrà rimpiazzato dalla casa da uno più semplice a rapporto singolo, in grado di supportare i miglioramenti previsti per il motore, che anch’esso verrà potenziato in un secondo tempo e provvisto di un migliore sistema di raffreddamento.

L’inconveniente si risolverà comunque entro pochi mesi dal lancio della vettura, il tempo di definire e collaudare il nuovo gruppo di trasmissione: naturalmente le procedure di aggiornamento saranno totalmente sostenute da Tesla Motors.
Speriamo che questo sia un buon trampolino di lancio per iniziare a vedere vetture di questo tipo anche per il mercato più popolare e non solo per i pochi eletti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>