Torna il GP d’Austria e Wolff chiede attenzione alle spese

di Alba D'Alberto Commenta

F1 Grand Prix of Japan - Race

La 65esima edizione del Campionato mondiale di Formula 1 prevede diciannove Gran Premi. I titoli in palio sono per il pilota che avrà ottenuto più punti, ci sarà ancora il titolo costruttori e la novità è rappresentata dal titolo per il pilota che farà più pole position. Il Campionato mondiale di Formula 1 comprende 19 Gran Premi è inizierà il 16 marzo con il Gran Premio d’Australia che si disputerà nel circuito Albert Park Circuit di Melbourne.

Il calendario è stato comunicato è la novità è il ritorno del Gran Premio d’Austria. L’ottavo GP si disputerà quindi sul Red Bull Ring in Austria il 22 giugno. Per il ritorno del GP d’Austria negli anni passati mancavano alcune autorizzazioni che ora sono arrivate. Omologazione concessa, quindi, in particolare per potere ospitare fino a 225 mila spettatori. Il precedente circuito ne poteva contenere 40 mila.

A poco più di due mesi dall’Inizio del Campionato mondiale di F1, il direttore esecutivo della Mercedes e responsabile del motorsport Toto Wolff  parla di livello di spesa insostenibile per i team di F1. Contenere le spese è necessario per diversi motivi. Per Wolff c’è il rischio di non riuscire più a giustificare gli investimenti dei top team davanti ai consigli di amministrazione. Inoltre, se non si sta attenti ai costi si potrebbe creare uno scollamento molto grande nella F1 tra i top team e gli altri in competizione.

Toto Wolff ha affermato: “La nostra Casa ci chiede efficienza, ma se prendiamo il team che spende di più e uno di centro gruppo come Force India, Williams e Sauber, il gap è ancora molto ampio. Probabilmente chi spende di più spende tre o quattro volte più di questi team”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>