Assicurazione auto, pronto il tagliando digitale

di Marco Mancini Commenta

Se ne parla da più di un mese, da quando è scattato l’allarme frodi, ma ora almeno il prototipo del tagliando dell’assicurazione digitale sembra essere pronto.

assicurazione auto tagliando digitale

Si chiama IdentiTag e non è altro che la trasformazione del classico tagliandino dell’assicurazione, quello che oggi è cartaceo, in un chip digitale. Il funzionamento è semplice: al momento del pagamento dell’assicurazione, i dati del guidatore che è in regola vengono registrati in un apposito computerone che è collegato a questo tagliando.

IL FUNZIONAMENTO – Il dispositivo ha la grandezza di un microchip, dev’essere apposto in maniera che sia visibile dall’esterno, e la polizia stradale, al momento del controllo, non dovrà fare altro che inserirlo in un apparecchio che in pochi secondi dirà se ci sono infrazioni oppure no. Questa rivoluzione, dopo un secolo di assicurazioni cartacee, si è resa necessaria a causa del dilagare delle frodi alle assicurazioni che hanno portato alla scoperta di migliaia di automobilisti che si stampavano in casa un finto tagliandino in cui risultavano in regola con il pagamento della RC Auto, senza in realtà esserlo.

L’automobilista dotato di microchip elettronico per l’assicurazione riceverà anche una card identificativa, e si stanno anche studiando delle strategie per eventuali nuovi servizi utili come un servizio di sms per avvisare quando si avvicina la scadenza dell’assicurazione, o anche per quanto riguarda la revisione ed altri dettagli. Magari in questo modo si potrebbero anche eliminare il libretto dell’auto o il registro delle revisioni, dato che si renderebbe tutto digitalizzato.

Anche se in futuro questa procedura diventerà obbligatoria per legge, al momento non si sa ancora quando effettivamente potrà entrare in vigore. Il dispositivo, realizzato da ICar, è ancora sperimentale e non si sa quando potrà diventare una realtà prevista dalla legge. Una cosa è sicura, il tempo dei furbetti sta per finire.

[Fonte e foto: il Sole 24 Ore]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>