Il pensiero di Bernie Ecclestone sulla F1

di Alba D'Alberto Commenta

Bernie Ecclestone è un personaggio importantissimo per la F1. Oltre ad essere il patron del Circus, oltre ad essere stato riconfermato nel ruolo, ha senza dubbio un’influenza incredibile sulla direzione impressa alla formula 1 in questi anni. Sky Sport ha riassunto le dichiarazioni più importanti di Ecclestone. 

Se volete sapere cos’è la F1 in questo momento dovete affidarvi al pensiero di Ecclestone che è stato mirabilmente riassunto in pillole da Sky Sport che per ogni dichiarazione snocciolata durante la stagione in corso, ha provveduto ad aprire un dibattito.

Il più interessante e il più attuale riguarda l’equilibrio tra i team che apre una finestra sulla fornitura dei motori di cui la Red Bull è protagonista ora. La Red Bull, dopo il diniego di Mercedes e Ferrari, essendo molto lontana dalla Renault, rischia di essere fatta fuori dal Circus.

Se hai un team, Mercedes ti fornisce i motori e vuole un voto su qualcosa, tu devi alzare la mano e votare per qualunque cosa vogliono, altrimenti magari non riceverai il motore che vuoi.

Mi piacerebbe avere 13 team da due macchine. Ma oggi è molto difficile per un Costruttore entrare.

Molto spesso la gente dice ‘no’ a qualcosa ma non intende davvero ‘no’, vogliono dire ‘forse’. Quindi vedremo. Non penso che perderemo la Red Bull, quindi non ci penso. Ci sono più opportunità là fuori di quello che la gente pensa.

Basterebbe questo ma c’è un altro punto da affrontare e riguarda il futuro della F1:

Gli azionisti venderanno parte delle loto quote perché devono farlo, non perché vogliono. Stiamo cercando qualcuno che spero voglia investire a lungo termine piuttosto che farci soldi. Le ultime persone con cui abbiamo parlato sono quelle giuste. Penso che succederà quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>