Jeep Grand Cherokee, ecco le prime foto spia del restyling

di Gtuzzi Commenta

Nonostante abbia ottenuto certamente un buon riscontro sul mercato, la Grand Cherokee è già pronta per essere aggiornata.

jeep grand cherokee restyling
Infatti, gli ingegneri del costruttore Jeep stanno già pensando al restyling della Grand Cherokee, che esordirà con il model year 2014, che verrà svelato nel corso della prossima edizione del Salone di Detroit.
In poche parola la nuova Grand Cherokee restyling verrà lanciata in tutte le concessionarie a partire dal 2013, prima sul mercato americano e poi arriverà anche nel Vecchio Continente.

jeep grand cherokee restylingECCO LE PRIME FOTO SPIA. Sono state diffuse sul web le prime foto spia che riguardano la versione modificata del SUV Premium del marchio Jeep, che vanno proprio a testimoniare come abbiano già avuto inizio i lavori di sviluppo e i collaudi della nuova versione aggiornata. Non ci saranno grandi cambiamenti all’interno di questo restyling in confronto al modello che è presente attualmente sul mercato, come si può anche facilmente intuire dalle prime foto spia.
Tuttavia, le modifiche andranno a riguardare, in modo particolare,
la parte frontale del SUV americano e i camuffamenti ci nascondono una mascherina decisamente più schiacciata, ma che potrà contare ancora sui listelli verticali disposte in file parallele.

Inoltre, tra le altre principali novità, ci saranno una fascia paraurti aggiornata ed elaborata, ma anche dei nuovi fari fendinebbia, senza dimenticare come le modifiche, seppur leggere, si estenderanno anche all’interno dell’abitacolo della nuova Grand Cherokee restyling.
A dare la spinta alla versione aggiornata della Grand Cherokee ci sarà un’interessante novità, rappresentata dal propulsore da 3 litri V6 diesel, in grado di sprigionare una potenza complessiva che si aggira intorno ai 241 cavalli e che verrà proposta sul mercato americano.
Inoltre, da notare anche la nuova trasmissione automatica sequenziale ZF ad otto marce, che verrà lanciata sul mercato sia in America settentrionale che in Europa e andrà a raccogliere l’eredità del più vecchio cambio automatico sequenziale a cinque rapporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>