Le nuove monoposto della Formula E

di Alba D'Alberto Commenta

Ormai è passione elettrica, è passione per la Formula E. Sono state presentate se anche in maniera ancora sommaria, le nuove monoposto elettriche del prossimo anno. Scopriamone insieme design e caratteristiche. 

La prima cosa di cui si prende nota è che la formula E ha deciso di cambiare look e di farlo a partire dalla prossima stagione, dal prossimo ottobre. L’elemento modificato che salta agli occhi è l’ala anteriore che presenta un design esclusivo. Un elemento aerodinamico che era stato già anticipato dalla Mahindra racing, un dettaglio che rende le macchine in questione più aggressive e futuriste. Il patron della Formula E ha guardato da vicino questa strepitosa evoluzione spiegando che nel “settore elettrico” ci sono i semi della rivoluzione del futuro.Dice Alejandro Agag:

“La Formula E mira ad essere diversa da tutte le altre categorie e questa nuova ala anteriore dona alle monoposto un look davvero aggressivo, diverso da qualsiasi altra formula sportiva”.

In effetti, come fa notare anche Jean Todt, la formula E è diventata il banco di prova di tantissime scuderie che approfittano della categoria in questione per testare nuove soluzioni tecniche e aerodinamiche, soluzioni che potranno essere adottate anche dalla tecnologia delle auto stradali. Dice Todt:

cq5dam.web.650.600 (4)

 

“Questo non è solo l’ambiente giusto in cui sviluppare motori elettrici di nuova generazione, ma è anche una piattaforma per studiare delle soluzioni innovative di cui possono beneficiare il mondo delle corse e quello dell’automotive in genere”.

Ma che ne pensano i piloti che con queste auto devono fare il massimo sui circuiti. Prendiamo per buona in tal senso la dichiarazione di Buemi che corre per Renaul e.Dams e ritiene di apprezzare tantissimo il nuovo look della monoposto del prossimo anno dove cambia addirittura la visuale del pilota.

“Mi piace molto questo nuovo look dell’ala anteriore, è un tocco di futurismo in più. Dall’interno della vettura riesci a vedere la parte superiore dell’ala, quindi per il pilota ci sarà un piccolo cambiamento della visuale. Vogliamo che la Formula E sia costantemente in evoluzione e la nuova ala è un buon inizio. Non credo che avrà un forte impatto aerodinamico, ma è un buon modo per mostrare al pubblico come ci stiamo evolvendo per l’inizio della terza stagione”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>