Jean Todt vuole portare la Formula E a Roma

di Alba D'Alberto Commenta

Jean Todt in una recente dichiarazione riportata da Quattroruote si rivolge indirettamente a Virginia Raggi, nuovo sindaco di Roma, invitandola a considerare l’opportunità di portare la Formula E a Roma

Abbiamo già visto la Formula E in una competizione in centro città a Parigi e non si capisce per quale motivo non potrebbe avvenire la stessa cosa anche a Roma. O almeno questo è quello che si chiede Jean Todt. Il suo intervento alla FIA Sport Conference 2016 che si è svolta a Torino, è stato molto preciso. Ha detto di essere soddisfatto della Formula E e di non aver mai visto in vita sua un campionato così capace di interessare il pubblico e le case automobilistiche. Queste ultime sono sempre più numerose e ingolosiscono i piloti.

F1 Grand Prix of Abu Dhabi - Practice

Qual è il segreto del successo della Formula E? La risposta secondo Todt è semplice: le corse in città:

“Dobbiamo essere molto attenti nella gestione della serie, per assicurarne il successo anche negli anni a venire” ha proseguito Todt. “Uno dei motivi base della sua formula vincente è che le gare si disputano in città”, ha risposto a chi gli chiedeva di un possibile trasloco degli eventi su circuiti tradizionali.

Poi aggiunge qualcosa su un’eventuale competizione romana, una proposta per Virginia Raggi all’indomani delle elezioni amministrative della Capitale. La Raggi, che si è detta contraria alle Olimpiadi di Roma, chissà che non sia invece intenzionata a questa competizione.

“Spero di portare la Formula E a Roma”. “Poter essere accolti nel centro di Parigi, Londra e Pechino e vedere il grande riscontro del pubblico è per noi un grande motivo di soddisfazione. E adesso spero di portare la Formula E anche a Roma, con l’insediamento del nuovo sindaco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>