Max Mosley: “Fia, Todt è Presidente ideale”

di Moreno 4

mosley-todt

L’avvicinarsi dela pensione (mandato in scadenza, ndr) sta ringalluzzendo Max Mosley che, da qualche tempo a questa parte, non perde occasione per rilasciare dichiarazioni inerenti al presente più immediato e al futuro più prossimo del contesto della Formula Uno.

Stavolta, dopo aver sentenziato ulteriormente sull’episodio che ha interessato la Renault e Flavio Briatore attaccando nuovamente l’operato di quest’ultimo, è tornato a sviluppare il “Mosley-pensiero” a proposito del successore in Fia. Stavolta, non c’è condanna nelle sue parole ma unappoggio incondizionato verso clui che, a detto di Mosley, può essere considerato l’nico vero erede ai vertici della Federazione. Ovvero, Jean Todt.

Tuttavia, vista l’antipatia che suscita il personaggio a più di un addetto ai lavori e a buona parte delgli appassionati, non siamo sicuri del fatto che abbia reso un servigio all’ex ferrarista:

Jean Todt è la persona ideale: non è un uomo che si fa comandare da altri. Direi, da nessuno. Quando era alla Ferrari faceva a modo suo e non permetteva nemmeno al presidente Luca Cordero di Montezemolo di dirgli cosa doveva fare: un comportamento da chi sa bene quale siano le proprie mansioni e le capacità. Proprio a causa del suo storico legame con la Ferrari farà di tutto per non essere uomo di parte e rappresentare in maniera oggettiva ogni scuderia. Non ho proprio nulla di personale contro l’altro candidato, Vatanen, anche se la pensiamo diversamente sulle tematiche ambientali: lui non crede al riscaldamento globale”.

Non si fano attendere neppure le impressioni relative agli sviluppi imminenti cui la Formula 1 è chiamata e l’auspicio più grande di Mosley è quello che ciascuno si adoperi per ridurre i costi della F1:

“In questo ambiente dominato dai grandi capitali e da persone egocentriche, la Fia deve rimanere neutrale e mantenere il controllo del potere. Si tratta di un compito ingrato di enorme proporzioni”.

Commenti (4)

  1. al peggio non c’è mai fine!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>