Nascar 2012, Johnson fa sua Indianapolis, la Penske lascia Allmendinger

di Davide Piteo Commenta

Dopo la sospensione di AJ Allmendinger, per uso di sostanze proibite dalla Nascar, il campionato è tornato nuova di scena nella celebre Indianapolis.

nascar-2012-mentre-johnson-fa-sua-indianapolis-la-penske-lascia-allmendinger

 

Mattatore della gara è stato Jimmie Johnson, il quale ha conquistato il quarto successo in carriera ad Indianapolis ed il terzo stagionale, ma la settimana Nascar oltre che per la bella vittoria di Johnson è stata anche caratterizzata dall’addio di Allmendinger al suo team.

Johnson in azione LA GARA

Fin dalla prime battute della gara c’è stato poco a nulla da fare, infatti sull’ovale di Indianapolis il pluricampione Nascar, non ha trovato alcuna difficoltà dimostrando ancora una volta come si vincere.

Partito  dalla sesta piazza nel giro di poche curve, il pilota nativo di El Cajon è entrato nella scia del podio, la zampata vincente è giunta al termine della prima tornata ai box, quando il pluricampione Nascar,  ha preso in mano le redini della gara senza più perderle.

Gli unici in grado di poter competere con l’ex campione sono stati Kyle Busch e Greg Biffle, il quale è riuscito anche nell’impresa di prendere in mano le redini della gara, ma a 29 giri dal termine Johnson senza pensarci su due ha saputo riconquistare la prima piazza andando a vincere con 5 secondi  di vantaggio sui diretti inseguitori.

Discorso diverso per Biffle il quale pur dando filo da torcere all’ex pluricampione, ha dovuto fare a sua volta i conti con uno scatenato Busch, il quale ha saputo recuperarlo sorpassarlo e chiudere la gara sul secondo gradino del podio, lasciando a Biffle il terzo.

Senza dubbio la gara è stata decisamente bella e vibrante, ma come spesso accade le cose belle durano solo poco, infattiAJ durante una pausa nella giornata di oggi è arrivata l’ufficialità dell’addio tra AJ Allmendinger e la Penske.

Il pilota nativo di Los Gatos, trovato positivo ad un controllo 15 giorni fa dopo i risultati delle controanalisi, che non hanno lasciato scampo evidenziando l’uso di AJ ad una sostanza proibita, è stato sospeso dalla Nascar a tempo indeterminato.

Dopo solo una settimana è giunta anche  la rottura del contratto tra il pilota californiano ed il suo team, l’ufficialità è giunta direttamente da un comunicato della Penske e scritto dal titolare del team ossia Roger Penske

Il Penske Racing supporta pienamente la politica della NASCAR riguardo le sostanze stupefacenti e siamo molto dispiaciuti dalla positività dei test di AJ. AJ è un gran pilota,una brava persona e mi dispiace molto separarmi da lui. Abbiamo investito molto in Allmendinger ed eravamo convinti del suo successo nel nostro team. Auguriamo ad AJ il meglio e di ritornare a correre di nuovo nella NASCAR“.

Immediata la risposta del pilota

Oggi ,sono stato rilasciato dal Penske Racing. Vorrei ringraziare il signor Penske,il Penske Racing, i loro sponsor e, in modo speciale, il team della Dodge #22 per il loro supporto durante questo periodo difficile. Infine,voglio ringraziare tutti i fan che sono stati fantastici a sostenermi in questi giorni duri. Mi scuso per l’imbarazzo e le difficoltà che ho provocato. Come ho detto la settimana scorsa, ho cominciato il programma “Road to Recovery” della NASCAR per tornare a competere di nuovo in un prossimo futuro.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>