Salone di Ginevra: Ford Fiesta

di tommasolerose Commenta

ford-fiesta.jpg

Non è una sorpresa che le piccole si siano “affilate”, nella meccanica e nelle forme, fin dal lancio della Grande Punto nel 2005.

Ma stavolta, con la nuova Ford Fiesta si superano davvero le attese, perchè le superfici ricalcano perfettamente il prototipo Verve, apparso lo scorso settembre a Francoforte.

Ovvero si potrà custodire in box una vera e propria opera d’arte, con un nome ed un prezzo da utilitaria.

E se il “contenitore” convince, il resto non si rivela da meno, almeno sulla carta.

I propulsori riprendono in gran parte la gamma attuale benzina e diesel (ma aggiornata per la prossima omologazione Euro 5 anche con filtro DPF e l’aggiunta di un L6 benzina by Focus), però i progettisti hanno contenuto i pesi nonostante le dimensioni leggermente cresciute.

Per promuovere dinamiche e guidabilità, come sulla cugina Madza 2, la gamma includerà anche una versione eco-sostenibile, la Econetic, che emetterà meno di 100 g\km di CO2.

Anche sul piano sicurezza si parla in grande: di serie ci sarà anche l’airbag per le ginocchia del guidatore. Per completare, sotto le linee “postmoderne” non mancano degni equipaggiamenti, come gli schermi Convers+, rubati dalla Mondeo, che Ford prevede di montare sull’85% della propria produzione.


La nuova Fiesta è un’auto pensata soprattutto per le donne, caratterizzata quasi delle stesse dimensioni del modello che va a sostituire, ma con una scocca molto più rigida e leggera, grazie all’utilizzo d’acciaio ad alta resistenza.

Il nuovo corso stilistico della casa americana vuole esprimere il concetto d’energia in movimento.

Le linee della nuova Ford Fiesta sono una conferma della tendenza del mercato di trasformare vetture di un segmento urbano, in veicoli con un carattere più spigliato.

Con ogni probabilità saranno prodotte sia una versione a tre porte, sia una a cinque porte, non escludendo che in futuro sarà lanciato anche un monovolume di ridotte dimensioni.

La vettura condividerà il pianale B2 con la nuova Mazda 2. Dal punto di vista delle motorizzazioni, si sa che la nuova Fiesta sarà equipaggiata sia con propulsori benzina, sia con diesel. Come benzina ci saranno un 1.300, un 1.600 ed un 1.800 cc Duratec SCI. I diesel saranno da 1.4 e da 1.6 litri TDCI.

Grande impegno è stato riposto nella cura dell’abitacolo, con particolare attenzione all’intrattenimento, offrendo un impianto Radio/CD/Mp3 compatibile Bluetooth di serie.

Si ringrazia l’utente Ford Motor Company di Flickr per l’immagine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>