Due milioni di euro per un’Aston Martin da collezione

di Alba D'Alberto Commenta

aston-martin-logoChi la vuole dovrà sborsare ben due milioni di dollari. A tanto ammonta la vendita di un’Aston Martin One da collezione. Sono forse molti per una supercar ad alte prestazioni della quale esistono soltanto 77 esemplari ambiti dai collezionisti, con una tecnologia particolarmente raffinata, eppure questo acquisto va comunque configurandosi come un grande affare. L’esemplare in vendita, come riferito dagli esperti, vanta inoltre un allestimento ‘personalizzato’, dotato di una carrozzeria verniciata in bianco perla e di interni bicolore bianco e blu. Al momento questa vettura è esposta presso una concessionaria a Dubai che la vende per 2 milioni di dollari, un prezzo di poco superiore a 1,45 milioni di euro.

L’affascinate coupé è costruita in serie limitata dalla Aston Martin – azienda al momento gestita da Investindustrial, il fondo di private equity che fa riferimento alla famiglia Bonomi – ed è da molti definita come una delle più belle super sportive ‘Instant Classic’ da collezione prodotte di recente dall’industria automobilistica britannica.

Il motore della One 77 è un V12 7.3 litri che emette una potenza di 750 Cv e spinge la coupé britannica, ‘vestita’ con una leggerissima carrozzeria artigianale realizzata in fibra di carbonio, da 0 a 100 km/h in soli 3,7 secondi, fino a una velocità massima di oltre 350 km/h.

I collezionisti, sicuramente, non si tireranno indietro. Certo, bisognerebbe disporre di due milioni di euro tenuti gelosamente da parte e decidere di spenderli nell’acquisto di un’automobile del genere. Servirebbe, inoltre, la consapevolezza e la volontà di essere uno tra i settantasette guidatori di questo prezioso (è proprio il caso di dirlo) modello di Aston Martin.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>