Google Car senza incidenti, commercializzazione più vicina?

di Marco Mancini Commenta

Abbiamo già parlato qualche mese fa della Google Car, l’automobile realizzata in collaborazione con il colosso dell’informatica Google, che sarebbe in grado di spostarsi senza l’intervento umano grazie ad un complesso sistema di telecamere e sensori.

google car senza incidenti

Ne avevamo parlato a proposito della concessione dell’autorizzazione ai test su strada, oggi ne riparliamo in quanto i test sono andati ancor meglio del previsto. Secondo quanto spiegano i suoi ingegneri, nell’ultimo test è riuscita a percorrere 300 mila miglia, oltre 480 mila chilometri, senza nemmeno un incidente.

ZERO INCIDENTI

Anzi, a dir la verità un’incidente c’è stato, ma non è stato causato dall’auto di Google. E’ capitato infatti che l’automobile fosse ferma al semaforo ed un automobilista distratto l’abbia tamponata. Che sia un segno del destino? La Google Car era stata testata inizialmente su una Toyota Prius, ma la tecnologia è stata provata anche su una Lexus RX450h, ed in ambienti diversi, dalle autostrade alle trafficate vie cittadine. I risultati sono stati sempre eccezionali.

auto che si guida da solaSiamo incoraggiati da questi progressi, ma c’è ancora una lunga strada davanti. Per fornire la migliore esperienza possibile, abbiamo bisogno di padroneggiare strade innevate, interpretare i segnali dei cantieri temporanei e gestire altre situazioni difficili che molti automobilisti incontrano. Come passo successivo, i membri del team di auto-guida presto inizieranno ad utilizzare le automobili da soli (piuttosto che in coppia), per cose come recarsi al lavoro. Si tratta di un traguardo importante, in quanto questa tecnologia ci porta un passo più vicini ai pendolari. Un giorno, speriamo che questa funzionalità permetterà alle persone di essere più produttive nelle loro auto

fanno sapere da Google. Al momento infatti, trattandosi di una tecnologia ancora sperimentale, i tester sono costretti a stare sul sedile del guidatore e devono essere pronti ad intervenire non appena c’è il pericolo di incidente. Se però questa tecnologia fosse migliorata a tal punto da fornire una sicurezza al 100%, gli automobilisti potrebbero sentirsi come dei normali passeggeri e fare altre attività mentre sono in auto come leggere, mangiare o…schiacciare un pisolino mentre si recano al lavoro.

[Fonte: Treehugger]

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>