GP Cina 2012, il segreto Mercedes sta nella deportanza

di Sebastiano Cucè Commenta

La Formula Uno è troppo affascinante e geniale. La prima fila Mercedes, concessa dalla retrocessione di Hamilton è dovuta ad una supremazia in qualifica che attualmente pare incontrastata.
gp cina 2012 il segreto mercedes sta nella deportanza
A monte di tutto questo il Super-DRS che i tedeschi si sono inventati quest’anno, con quale riescono a mandare in stallo l’ala anteriore e a raggiungere una notevole velocità sui rettilinei. Ma il segreto non è da ricercare sui tratti dritti e lunghi, infatti Nico Rosberg si è distinto per il miglior tempo nella zona T2 del tracciato, li dove c’è la presenza di curve lente e medie.


cina qualifiche rosberg hamilton schumacher
GENIALE MERCEDES – Questo Super-DRS come ha spiegato Ross Brawn è molto semplice ma difficile da copiare, specialmente a campionato inoltrato e senza l’ausilio dei test. Quando il pilota preme il pulsate per il normale DRS, quello che serve ad alzare l’ala mobile sull’alettone posteriore si ha un incremento di velocità dovuto alla poca resistenza con l’aria. I tedeschi si sono inventati qualcosa di incredibile. Quando l’ala si alza, l’aria viene introdotta in due buchi che la trasportano, attraverso due tubi, fino alla parte anteriore. Qui viene mandata in stallo pure l’ala e così la macchina ha meno resistenza sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Ma allora bisogna chiedersi, la Mercedes è la più veloce nei rettilinei? No.
Il più veloce nel lunghissimo rettilineo di 1170 metri è stato Sergio Perez con la Sauber, seguito dal compagno Kobayashi e poi dalle due Mercedes. Ma allora dove sta il vantaggio Mercedes?
Analizzando il settore T2, quello centrale, che inizia dalla curva 6 fino alla curva 11, ci si accorge che il pilota più veloce è stato Nico Rosberg, poi Schumacher, seguito da Webber ed Hamilton. Questo è un tratto con curve a velocità lenta-media, dove è necessario una buona deportanza, il che è traducibile nel fatto che la Mercedes è la macchina con la maggiore deportanza generata dalla maggiore incidenza del profilo alare. Questo vantaggio potrebbe essere fatale e controproducente sui rettilinei, ma a quel punto subentra il Super-DRS che annulla la resistenza dell’aria nelle due ali della W01, permettendo alla Mercedes di essere velocissima nelle qualifiche del sabato.

CONCLUSIONI – La Mercedes non può ancora vincere le gare per due motivi. Prima di tutto, perché non possono utilizzare il Super-DRS in gara come in qualifica, ma solo una volta in un tratto stabilito dalla FIA. Secondo, perché i tedeschi non stanno riuscendo a comprendere il perché le gomme si riscaldano troppo in fretta. La squadra con sede a Brackley comincerà a vincere quando quest’ultimo problema sarà risolto, perché hanno capito che far partire davanti una macchina che poi non è la più veloce premia lo stesso.

Photo Credits | Getty images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>