Lotus F1, Allison si concentra sui freni per il Canada

di Sebastiano Cucè Commenta

Amareggiato dal deludente risultato di Monaco, James Allison, direttore tecnico alla Lotus, ci spiega quali sono le aspettative per la prossima gara a Montreal.
lotus f1 allison si concentra sui freni per il canada
Le incognite sulla forte usura delle gomme sono rimaste nel principato, perchè Allison punta sul diverso asfalto del Gilles Villeneuve. Qui però oltre gli pneumatici saranno i freni i veri protagonisti, con la prova più dura dell’intero campionato.


lotus monaco
MONACO CON L’AMARO – Quando è stato chiesto cosa non è andato bene a Monte Carlo, James Allison ha risposto dicendo che il ritiro di Grosjean più che altro, ha lasciato la squadra senza un valido confronto per capire se i problemi alle gomme di Raikkonen, fossero un caso isolato o qualcosa che effettivamente riguardasse la macchina in generale.

Raikkonen ovviamente aveva accusato i problemi fin da inizio week-end. Il finlandese saltò le prime libere, perchè fu lui stesso a rifiutarsi, deluso dai problemi di sovrasterzo, ma Allison ha detto che l’assenza fu dovuta al fatto che nella mattina di giovedì la squadra era impegnata nell’accontentare le richieste del pilota.

Ma allora la Lotus ha sofferto per la temperatura della pista o degli pneumatici? Allison ha spiegato che il vero motivo sta nel fatto che l’asfalto di Monaco è troppo levigato. Un asfalto unico in tutto il campionato, diverso da quello in Canada, decisamente più ruvido ed adatto alle caratteristiche della E20.

ASPETTATIVE MONTREAL – La potenza qui è cruciale. La Mercedes è la favorita, perchè nei lunghi rettilinei può utilizzare il Super-DRS ed ha un buon sistema di trazione per affrontare le curve strette e lente. Ciò che però preoccupa di più la Lotus sono i freni

Ci sono molti rettilinei ad alta velocità e curve a bassa velocità, così i freni subiscono un uso estremo nel corso di un giro. Canada è il circuito più impegnativo dell’anno dal punto di vista del consumo dei freni. Usura dei freni è in gran parte funzione della temperatura del freno e così un sacco di lavoro deve essere fatto in galleria del vento, per garantire un adeguato raffreddamento aerodinamico dei dischi e delle pastiglie

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>